Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Chi rinuncia al premio mondiali

Immagine di copertina

Per ora, le nazionali di Grecia e Algeria. Entrambe per ragioni diverse, ma con un forte messaggio

Secondo quanto riportato dal Daily Mail, la nazionale di calcio dell’Algeria donerà il premio di 9 milioni di dollari che ha ottenuto raggiungendo gli ottavi di finale dei mondiali alla popolazione di Gaza.

“Loro ne hanno più bisogno di noi”, avrebbe detto, sempre secondo quanto riportato dal Daily Mail, il centravanti algerino e dello Sporting Lisbona Islam Slimani, una delle bandiere della sua nazionale che ha raggiunto lo storico risultato degli ottavi di finale. L’Algeria si è arresa alla Germania solo ai tempi supplementari.

Oltre al messaggio di solidarietà, la scelta della nazionale algerina rappresenta un chiaro segnale in favore della popolazione di Gaza nell’ambito della situazione del Medio Oriente.

Ma l’Algeria non è l’unica nazionale, fino ad ora, ad aver rinunciato al premio-ottavi. La nazionale greca infatti, che ha raggiunto il suo miglior risultato nella storia dei mondiali, uscendo solo ai rigori nel match con la Costa Rica, ha deciso di non percepire il premio cui avrebbero avuto diritto.

In una lettera scritta al premier Antonis Samaras, i giocatori greci hanno detto che scendono in campo per il loro Paese e il loro popolo, e perciò non vogliono premi in denaro, ma solo il sostegno del governo per la costruzione di un nuovo centro di allenamento.

Anche questa scelta della Grecia rappresenta un chiaro segnale politico, quello cioè di non voler gravare sulle casse di uno dei Paesi che più di tutti ha subito gli effetti della crisi economica e in cui la popolazione è costretta a grandi sacrifici per risolvere il problema del debito pubblico.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”