Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Entrambi i candidati alla presidenza del Gabon reclamano la vittoria alle elezioni

Immagine di copertina

Il portavoce del presidente uscente Ali Bongo Ondimba ha annunciato la vittoria alle elezioni e accusato il rivale di frode nel voto

Sabato 27 agosto in Gabon si sono tenute le elezioni presidenziali. A sfidarsi sono stati Jean Ping, diplomatico di lungo corso, e Ali Bongo Ondimba, presidente uscente e appartenente alla famiglia che ha guidato il paese negli ultimi 50 anni ed entrambi reclamano la vittoria.

Lunedì 28 agosto, Jean Ping ha invitato il presidente Ali Bongo a “riconoscere la propria sconfitta”. Dopo la pubblicazione dei numeri che davano i due candidati protagonisti di un acceso testa a testa, Ping ha invitato il candidato avversario a dimettersi: “Incoraggio Ali Bongo a sottomettersi al verdetto delle urne”.

Bongo, dal canto suo, ha reclamato la vittoria alle elezioni e ha accusato di frode i sostenitori di Ping. La legge del Gabon vieta la pubblicazione dei dati prima dei conteggi ufficiali che sono attesi per giovedì.

Il ministro dell’interno ha dichiarato che annunciare preventivamente la vittoria è stato un tentativo di manipolare il processo democratico.

Una missione dell’osservatorio dell’Unione europea ha dichiarato di aver riscontrato delle irregolarità registrate durante la campagna elettorale e il giorno delle elezioni.

Secondo la parlamentare europea Maryia Gabriel le elezioni appena conclusesi “hanno mancato di trasparenza”: sia il presidente uscente Ali Bongo che il suo rivale Jean Ping hanno rivendicato la vittoria. Sempre secondo la parlamentare “a beneficiare delle irregolarità sembra essere stato per lo più il candidato Bongo, sia per l’accesso preferenziale ai mezzi di comunicazione che per le risorse statali di cui ha usufruito”.

Il Gabon, con una popolazione di due milioni di abitanti, è una delle nazioni africane più ricche grazie alle risorse petrolifere. Il crollo del prezzo del petrolio negli ultimi mesi ha costretto il governo a fare tagli alla spesa pubblica, rinforzando le opposizioni, che accusano il governo di Bongo di non aver fatto politiche a sostegno delle classi meno abbienti.

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"