Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:38
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il Brasile nel caos dopo l’impeachment a Dilma Rousseff

Immagine di copertina

Dopo che la presidente è stata rimossa dall'incarico si sono verificati scontri nelle città del paese e alcuni paesi sudamericani hanno ritirato i propri ambasciatori

Manifestazioni violente sono scoppiate in Brasile nelle principali città del paese dopo il voto di impeachment del Senato che mercoledì 31 agosto ha rimosso dalla carica di presidente Dilma Rousseff.

Durante la notte si sono verificati scontri tra i sostenitori dell’ex presidente e la polizia in tenuta antisommossa, che ha lanciato gas lacrimogeni per disperdere la folla nelle strade. Le immagini diffuse dalle televisioni hanno ripreso alcuni manifestanti mentre spaccavano finestre e vetrine e incendiavano cassonetti nel centro di San Paolo.

Immediate anche le conseguenze diplomatiche della deposizione di Rousseff. Venezuela, Ecuador e Bolivia – tutti paesi governati da leader di sinistra considerati vicini alla Rousseff – hanno richiamato i loro ambasciatori in segno di protesta contro quello che hanno definito “un colpo di stato”.

Il voto di impeachment ha messo fine a mesi di incertezza politica in Brasile. L’ex presidente Dilma Rousseff è stata rimossa dalla carica per aver falsato i conti pubblici. A succedergli è stato il vice presidente Michel Temer, di orientamento politico opposto alla ex guerrigliera marxista e leader del Partito del Lavoratori.

Tuttavia il voto di ieri non ha risolto i problemi della nazione. Il nuovo presidente, in carica ad interim già da maggio, in tre mesi non ha conquistato l’elettorato brasiliano, ma anzi con alcune nomine di politici accusati di corruzione o di appartenere alle vecchie elite ha dato l’impressione di non voler rappresentare una forza di rinnovamento.

L’economia brasiliana è prevista in recessione per il secondo anno consecutivo. Temer ha promesso di risollevare il paese attraverso una serie di riforme considerate un taboo nei tredici anni di governo del Partito dei lavoratori, come tagli alla spesa pubblica e alle pensioni.

Secondo diversi sondaggi, i brasiliani preferirebbero risolvere la crisi politica attraverso nuove elezioni, ma perché questo accada, sarebbe necessario un voto di sfiducia parlamentare o le dimissioni volontarie di Temer, due cose che al momento sembrano poco probabili.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Esteri / Pizza per l’Italia e Chernobyl per l’Ucraina: la gaffe della tv sudcoreana alle Olimpiadi di Tokyo
Esteri / “Una storia horror? Vacanza-studio in Italia”, il tweet di Amanda Knox scatena le polemiche
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”