Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Usa, primarie dem: Biden travolge Sanders e si avvicina alla nomination

Immagine di copertina
Joe Biden Credits: Ansa

L'ex vicepresidente ha sconfitto il rivale alle primarie di Florida, Illinois e Arizona, conquistando un vantaggio che lo porta vicino alla nomination del partito

Usa, primarie dem: Biden travolge Sanders e si avvicina alla nomination

L’ex vice presidente Usa Joe Biden ha vinto le primarie democratiche di Florida, Illinois e Arizona, sconfiggendo il rivale Bernie Sanders e garantendosi un vantaggio importante per la nomination dem e avvicinandosi alla sfida a Donald Trump alle elezioni Usa 2020 il prossimo 3 novembre. I tre Stati portano in dote 411 delegati di cui 219, il bottino più ricco, è della Florida.

“La corsa per la nomination è finita. Questa è la realtà”, ha scritto su Twitter l’ex advisor di Barack Obama, David Axelrod. “A questo punto nel 2016 Barack Obama era avanti su Hillary Clinton di 100 delegati. Alla fine di questa serata il vantaggio di Joe Biden sarà tre volte tanto. Nessun democratico ha mai recuperato un simile deficit”, ha sentenziato Axelrod.

Resta da vedere è se Sanders continuerà a correre pur con chance di vittoria vicine allo zero. Il senatore del Vermont potrebbe gettare la spugna per non ripetere l’errore del 2016 quando, secondo l’establishment dem, la guerra all’ultimo voto con Hillary Clinton alla fine favorì l’elezione di Trump.

Biden ha commentato il trionfo da casa sua nel Delaware, dove si è recato per l’emergenza coronavirus. Il candidato ha sottolineato la gravità del momento e ha lanciato un appello ai sostenitori di Sanders spiegando loro di condividerne la “visione” e la necessità di garantire agli americani tutte le cure necessarie. “Come sapete è in momenti come questi che ci rendiamo conto di dover mettere la politica da parte e lavorare insieme come americani. Al coronavirus – ha osservato – non importa se si è repubblicani o democratici”.

Trump si è intanto formalmente assicurato la nomination repubblicana, superando ​la soglia dei 1.276 delegati necessari.

Leggi anche:

Usa 2020, mini Tuesday per le primarie democratiche: vittoria di Joe Biden in quattro stati su sei. Sanders sempre più lontano

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una storia horror? Vacanza-studio in Italia”, il tweet di Amanda Knox scatena le polemiche
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una storia horror? Vacanza-studio in Italia”, il tweet di Amanda Knox scatena le polemiche
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”
Esteri / Indonesiano positivo al Covid finge di essere la moglie e prende un aereo: scoperto durante il volo
Esteri / Come funziona il Green Pass all’estero: ecco i Paesi dove è obbligatorio e per quali attività
Esteri / Ombre cinesi sul G20 di Napoli: Pechino complica l'accordo sul clima
Esteri / “Chiedono il vaccino ma è troppo tardi”: il racconto del medico che cura i pazienti Covid non vaccinati