Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:55
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Armenia-Azerbaigian: raggiunto accordo per il cessate il fuoco

Immagine di copertina
Credit: EPA/ROMAN ISMAYILOV

Armenia-Azerbaigian: raggiunto accordo per il cessate il fuoco

E’ stato pattuito un cessate il fuoco tra l’Armenia e l’Azerbaigian, dopo il fallimento della tregua che Putin aveva annunciato martedì. Lo ha annunciato il segretario armeno del Consiglio di sicurezza Armen Grigoryan. Durante la giornata di mercoledì i combattimenti avrebbero causato 100 morti dal lato armeno, e 50 tra le forze azere, secondo le autorità dei rispettivi paesi. Gli scontri sono avvenuti nella parte meridionale della frontiera, vicino al Nagorno Karabakh, regione azera a maggioranza armena che reclama la sua indipendenza.

Secondo la giornalista Maria Titizian in collegamento da Yerevan per Dw news “non si tratta solo di un conflitto relativo al Nagorno Karabakh, ma dell’Azerbaigian che sta attaccando territori entro le frontiere riconosciute internazionalmente dello stato armeno”. Il governo di Baku a sua volta accusa l’Armenia di azioni provocatorie sul confine.

I combattimenti degli ultimi giorni sarebbero i più sanguinosi dal 2020, quando si era infuocato per oltre 40 giorni il conflitto acceso sin dalla fine delle repubbliche sovietiche. Vi sono coinvolte le maggiori potenze regionali: la Turchia si è schierata con l’Azerbaigian, l’Iran con l’Armenia in funzione anti turca, mentre la Russia, legata bilateralmente all’Armenia dove ha un’importante base militare, gioca il ruolo del mediatore. Ci sono state proteste ieri nella capitale armena contro il primo ministro Nikol Pashinyan, che ha manifestato la volontà di offrire concessioni territoriali all’Azerbaijan nella regione contesa del Nagorno-Karabakh come parte di un futuro trattato di pace. Le contestazioni però verrebbero, secondo Open Democracy, da una fetta ridotta della popolazione, appartenente soprattutto alle élite economiche.

Secondo Reuters l’indebolimento della Russia nel suo ruolo di pacificatore da quando è iniziata la guerra in Ucraina avrebbe spinto Baku ad allargare le sue mire nel conflitto con l’Armenia. Nella regione ci sarebbero inoltre diversi interessi legati all’energia, trattandosi di un corridoio per oleodotti e gasdotti.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Liberato Baquer Namazi, ex responsabile Unicef detenuto in Iran insieme al figlio
Esteri / Lo stop del Cremlino al leader ceceno Kadyrov sull’uso dell’atomica: “Valutazioni obiettive ed equilibrate”
Esteri / Shock anafilattico dopo aver mangiato un burrito: i camerieri si rifiutano di chiamare i soccorsi e lui muore
Ti potrebbe interessare
Esteri / Liberato Baquer Namazi, ex responsabile Unicef detenuto in Iran insieme al figlio
Esteri / Lo stop del Cremlino al leader ceceno Kadyrov sull’uso dell’atomica: “Valutazioni obiettive ed equilibrate”
Esteri / Shock anafilattico dopo aver mangiato un burrito: i camerieri si rifiutano di chiamare i soccorsi e lui muore
Esteri / Quando Biden diceva: “Annettere alla Nato gli Stati Baltici sarebbe un errore”
Esteri / Perché la ragazza italiana Alessia Piperno è stata arrestata in Iran: il motivo del fermo
Esteri / Chi è Alessia Piperno, la travel blogger italiana arrestata in Iran
Esteri / Risposta Usa alle minacce nucleari russe: "Putin potrebbe prendere decisione irresponsabile"
Esteri / “In caso di attacco nucleare risponderemmo eliminando ogni forza russa in Ucraina”
Esteri / Burkina Faso: secondo golpe militare in un anno
Esteri / Proteste in Iran, Ong: “Uccise 92 persone”. Manifestanti rinchiusi nella Sharif University dalla polizia