Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Berlino, Abu Mazen accusa Israele di Olocausto, poi ritratta. L’imbarazzo di Scholz: “Profondamente indignato”

Immagine di copertina

Si è conclusa con grande imbarazzo la conferenza stampa data ieri, martedì 16 agosto, dal cancelliere tedesco Olaf Scholz e dal presidente dell’Autorità Nazionale Palestinese, Abu Mazen, (anche conosciuto come Mahmud Abbas) quando quest’ultimo, in una similitudine provocatoria, ha chiamato “olocausti” i massacri ricorrenti dell’esercito israeliano in Palestina. Un paragone impronunciabile per il capo del governo del paese ricostruito sulle ceneri del regime nazista.

Abbas si trovava a Berlino per un  incontro inizialmente programmato a marzo, rimandato a causa dello scoppio della guerra in Ucraina. Nelle dichiarazioni calorose dei due politici è stato ribadito l’impegno della Germania a sostenere la “soluzione dei due Stati” che auspica ad una convivenza pacifica tra Israele e Palestina basata sulle frontiere risalenti a prima della guerra dei sei giorni del 1967. L’incontro si svolgeva nel contesto drammatico dei recenti attacchi dell’esercito israeliano in territori palestinesi che hanno fatto diversi morti e feriti civili.

L’imbarazzo è iniziato a sentirsi quando un giornalista ha posto al rappresentante palestinese una domanda riguardante la sua posizione odierna rispetto all’attentato che uccise undici atleti israeliani in occasione delle Olimpiadi di Monaco del 1974. “Dal 1947 a oggi, Israele ha commesso 50 massacri in 50 villaggi e città palestinesi,” ha risposto Abu Mazen ” a Dair Yassin, Tantura, Kafr Kassim e molti altri, 50 massacri, 50 olocausti.”. Quando è caduta l’ultima parola, persino la voce della traduttrice si è affievolita. Il discorso di Abbas continua con un’appello di pace: “la nostra richiesta ora è: smettetela, basta cosi!”. La conferenza si conclude, Scholz stringe freddamente la mano dell’ospite. La sua reazione è giunta in seguito, troppo tardi a dire di molti: “Per noi tedeschi in particolare, qualsiasi relativizzazione dell’Olocausto è intollerabile e inaccettabile” ha scritto su Twitter. Oggi Mahmud Abbas è ritornato sulle sue dichiarazioni, ribadendo che “l’Olocausto è il crimine più atroce della storia umana moderna” secondo l’agenzia palestinese Wafa.

Su Olaf Scholz, già in difficoltà per la crisi energetica che spaventa la Germania, si sono scagliate le critiche di esponenti dell’opposizione come il presidente della CDU Friedrich Merz, ma anche di voci autorevoli come quella del vice presidente del comitato internazionale di Auschwitz Christoph Heubner. “È sorprendente e sconcertante che la parte tedesca non fosse preparata alle provocazioni di Abbas e che le sue dichiarazioni sull’Olocausto nella conferenza stampa siano rimaste incontestate” ha dichiarato Heubner.

Già durante la conferenza stampa, nonostante i toni cordiali, il cancelliere aveva preso le distanze da alcune altre posizioni del presidente dell’ANP. Riguardo il termine “apartheid” per descrivere il trattamento dei palestinesi in Israele, usato da Amnesty International, e più volte evocato da Abu Mazen, Scholz ha  dichiarato di non considerarlo “adatto a descrivere la situazione”. Ha inoltre escluso cambiamenti di posizione riguardanti il riconoscimento dello Stato Palestinese, che molti paesi europei, Germania compresa, non concedono.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Nato in allerta: Mosca pronta a testare il super-siluro che può provocare uno tsunami radioattivo
Esteri / Papa Francesco a Putin: “Fermati, ti supplico. Fallo per amore del tuo popolo”
Esteri / Ucraina, strage di civili a Kharkiv: morti 13 bambini mentre tentavano la fuga con le famiglie
Ti potrebbe interessare
Esteri / Nato in allerta: Mosca pronta a testare il super-siluro che può provocare uno tsunami radioattivo
Esteri / Papa Francesco a Putin: “Fermati, ti supplico. Fallo per amore del tuo popolo”
Esteri / Ucraina, strage di civili a Kharkiv: morti 13 bambini mentre tentavano la fuga con le famiglie
Esteri / Indonesia, scontri dopo una partita di calcio: almeno 180 morti
Esteri / Donbass, schiaffo di Kiev a un giorno dall’annessione: Mosca ammette il ritiro da Lyman
Esteri / Nord Stream: “Esplosi 500 chili di tritolo. Bombe piazzate da robot di manutenzione”
Esteri / Russia, il rapper Walkie si toglie la vita per non andare in guerra
Esteri / Con il nuovo reattore Olkiluoto-3 la Finlandia si aggiudica la centrale nucleare più potente d’Europa
Cronaca / Putin annette le regioni ucraine: “Saranno russe per sempre. Ora disposti a negoziare”
Esteri / Ucraina, sale la tensione a Zaporizhzhia: missili su un convoglio umanitario, 25 morti