Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:00
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

65mila rohingya sono fuggiti dalla Birmania verso il Bangladesh

Immagine di copertina

Secondo un rapporto delle Nazioni Uniti, nel corso della settimana passata 22mila rohingya hanno abbandonato lo stato di Rakhine a causa della repressione

Secondo le Nazioni Unite almeno 65mila rohingya hanno abbandonato la Birmania per cercare rifugio in Bangladesh a causa della repressione da parte delle forze armate birmane nello stato settentrionale di Rakhine.

“Al 5 di gennaio, circa 65mila persone risiedono nei campi profughi registrati, in accampamenti di fortuna e nelle comunità locali nel sud del Bangladesh”, ha dichiarato l’Ufficio per il coordinamento degli affari umanitari dell’Onu.

“Nel corso della settimana passata, sono stati segnalati 22mila nuovi arrivi che hanno attraversato il confine provenienti dallo stato di Rakhine”, si legge invece nel rapporto settimanale delle Nazioni Unite. 

L’esodo dei rohingya, una comunità di fede musulmana, è cominciato dopo che l’esercito birmano ha avviato un’operazione per individuare i membri di un’insurrezione etnica armata lasciandosi dietro una scia di morte e sangue.

Gli attivisti denunciano infatti che i soldati birmani stanno commettendo stupri e omicidi di massa e stanno distruggendo le abitazioni dei rohingya. 

I gruppi per la difesa dei diritti umani sostengono che tali abusi potrebbero costituire crimini contro l’umanità e da molte parti è arrivato l’appello al premio Nobel per la pace e attuale ministro degli Esteri birmano Aung San Suu Kyi affinché metta fine alle presunte violenze.

Il governo birmano ha avviato un’indagine in merito, ma il rapporto pubblicato la settimana scorsa nega che sia in corso un genocidio o una persecuzione di matrice religiosa.

Lunedì 9 gennaio 2017, l’inviato Onu per i diritti umani in Birmania Yanghee Lee ha cominciato la sua visita, che durerà 12 giorni, per avviare un’indagine indipendente sulle accuse lanciate contro l’esercito birmano. 

— LEGGI ANCHE: La storia dei rohingya, una della minoranze più perseguitate al mondo

— LEGGI ANCHE: Il video che mostra i soldati birmani prendere a bastonate due rohingya

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Conflitto tra Israele e Hamas: "I bambini di Gaza pagano il prezzo più alto: 9 morti e 43 feriti"
Esteri / La campagna del governo cinese per impedire alle donne musulmane dello Xinjiang di avere figli
Esteri / Per la prima volta una donna alla guida del Washington Post: la nuova direttrice è Sally Bazbee
Ti potrebbe interessare
Esteri / Conflitto tra Israele e Hamas: "I bambini di Gaza pagano il prezzo più alto: 9 morti e 43 feriti"
Esteri / La campagna del governo cinese per impedire alle donne musulmane dello Xinjiang di avere figli
Esteri / Per la prima volta una donna alla guida del Washington Post: la nuova direttrice è Sally Bazbee
Esteri / Cipro, peschereccio italiano speronato da barche turche
Esteri / L’Lsd sarà legale negli Usa: “Può curare malattie mentali gravi”
Esteri / India, dal fiume Gange riaffiorano cadaveri: “Sono vittime del Covid”
Esteri / Spari e studenti in fuga dalle finestre: il video della strage nella scuola di Kazan
Esteri / Sparatoria in una scuola in Russia: almeno otto vittime
Esteri / In Colombia la polizia sta massacrando le popolazioni indigene che protestano contro il governo
Esteri / Gaza brucia ancora, pioggia di bombe nella notte: “Muoiono anche i bambini”