Covid ultime 24h
casi +25.853
deceduti +722
tamponi +230.007
terapie intensive +32

“Spotify paga poco meno di 100 mila euro di tasse in Italia”: la bomba del giornalista Stefano Mannucci

Di Redazione TPI
Pubblicato il 16 Ago. 2019 alle 15:34 Aggiornato il 16 Ago. 2019 alle 16:28
0
Immagine di copertina

Spotify paga 100 mila euro di tasse ogni anno: guerra tra musica digitale e radio

“In Italia Spotify ha circa 10 milioni di utenti e paga poco meno di 100 mila euro di tasse”, svela in diretta Stefano Mannucci de Il Fatto quotidiano ad RTL102.5 nel corso di Non stop news (condotto da Fulvio Giuliani e Barbara Sala).

Un argomento bollente. Sembra la sfida di Davide contro il gigante Golia. Ma l’epilogo della vicenda è totalmente diverso rispetto alla leggenda: il colosso (la radio) è viva. Non muore. Gode di ottima salute.

Le nuove piattaforme del mondo digitale, però, continuano il braccio di ferro contro la radio. Le regole di questa battaglia sono ancora poco chiare. “Con lo streaming i cantanti guadagnano poco o niente. E così cala la qualità artistica”, scrive Mannucci.

Insomma, Spotify dichiara guerra alle radio? Sembrerebbe la stessa musica di cinquant’anni fa quando qualcuno disse che la radio sarebbe morta con l’arrivo della televisione. Errore enorme. La radio non è mai morta. Oggi la radio vince e convince. Stefano Mannucci su Il Fatto quotidiano commenta la vicenda in modo analitico e con una vera stoccata mozzafiato.

Le grandi aziende digitali che fanno grandi utili nel nostro Paese dove pagano le tasse? Altro interrogativo: chi vigila su tutto questo? “Sicuramente l’unione europea è il terminale legislativo, ma ci sono complicate architetture fiscali che hanno escogitato queste sedici società (tra cui anche Spotify) alleate in una lettera comune a novembre scorso”, racconta Mannucci.

Sanremo 2019 radio live e streaming: ecco dove ascoltare in diretta il Festival

“Il problema è capire chi vara la legislazione globale. Se vivo in Italia e pago un abbonamento, ad esempio alle 9 euro, le tasse dovrebbero andare in Italia, visto che l’utile è generato qui”, conclude Mannucci.

La gaffe della Lega: “Una canzone su 3 in radio deve essere italiana”, ma il 45% lo è già

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.