Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

“La disoccupazione giovanile in Italia aumenta anziché diminuire”: l’allarme dell’Ocse

Immagine di copertina

“La disoccupazione giovanile in Italia aumenta anziché diminuire”: l’allarme dell’Ocse

La disoccupazione giovanile in Italia è rimasta a livelli molto alti anche nel 2021 dopo essere aumentata rapidamente a causa della pandemia di Covid-19, mentre in altre economie avanzate sta già tornando verso livelli pre-crisi. Lo afferma l’ultimo rapporto dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) sulle Prospettive occupazionali, pubblicato oggi.

“L’Italia è uno dei pochi paesi Ocse in cui il tasso di disoccupazione giovanile è rimasto vicino al suo livello massimo per tutta la primavera del 2021”, afferma l’Ocse, ricordando come il tasso di disoccupazione giovanile nel paese sia salito ulteriormente “da un livello già molto alto”, pari al 28,7 percento, raggiungendo il 33,8 percento a gennaio 2021.

A livello Ocse invece il tasso di disoccupazione giovanile ha raggiunto il picco nove mesi prima, ad aprile 2020, salendo al 19 percento dall’11,4 percento di partenza, per poi scendere al 15 percento ad aprile 2021.

Secondo l’Ocse, nel corso del 2020 il tasso di occupazione si è ripreso “solo leggermente” e lo scorso febbraio l’Italia aveva ancora 945mila occupati in meno rispetto a un anno prima.

Secondo le stime il tasso di occupazione italiano tornerà ai livelli pre-crisi solo nel terzo trimestre del 2022, in ritardo rispetto alla Germania ma in linea con la Francia e in anticipo rispetto alla media Ocse.

All’inizio della crisi, l’Italia ha registrato un calo del tasso di occupazione più contenuto rispetto alla media Ocse, con una contrazione di solo un punto percentuale rispetto a diminuzione media di 5 punti. Secondo quanto dichiarato dall’organizzazione con sede a Parigi, questo è stato in gran parte dovuto all’uso diffuso della cassa integrazione.

Nel rapporto pubblicato oggi, l’Ocse avverte che potrebbe aprirsi un “divario crescente” tra i lavoratori che sono riusciti a superare la crisi attraverso orari ridotti e brevi periodi di cassa integrazione e chi si è invece trovato senza più un lavoro, rischiando di causare effetti a lungo termine sul mercato del lavoro.

Tra le 38 economie avanzate che hanno aderito all’Ocse, dall’inizio della pandemia, 22 milioni di persone dall’inizio della pandemia non lavorano più. Di questi 8 milioni sono disoccupati e 14 milioni lavoratori inattivi. Alla fine del 2020, tra i paesi dell’Ocse il numero di persone che erano disoccupate da più di sei mesi era aumentato del 60 percento rispetto ai livelli pre-pandemici.

Ti potrebbe interessare
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Economia / Scenari economici post Covid per le aziende italiane
Economia / Come funziona la tassa minima globale
Ti potrebbe interessare
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Economia / Scenari economici post Covid per le aziende italiane
Economia / Come funziona la tassa minima globale
Economia / Crisi: il Covid ha spazzato via i progetti di vita di due famiglie su tre
Economia / Chiude anche la Timken di Villa Carcina, 106 licenziati
Economia / La settimana corta è un successo ovunque. In Italia invece continuiamo a lavorare di più e (quindi) peggio
Economia / Altro che equità fiscale e sviluppo sostenibile, la riforma del fisco di Draghi non ha coperture
Economia / "I profitti del vaccino anti-Covid di Moderna finiranno nei paradisi fiscali"
Economia / Ecofin approva il Piano nazionale di ripresa e resilienza dell'Italia
Economia / El Salvador diventa il primo Paese al mondo a legalizzare il Bitcoin