Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia » Lavoro

Smart working, tribunale obbliga l’azienda a pagare l’affitto a chi lavora da casa

Immagine di copertina

Smart working, un tribunale in Svizzera ha obbligato un’azienda a pagare l’affitto ai dipendenti che lavoreranno da casa

Il Coronavirus ha portato con sé una “rivoluzione” (che poi, tanto rivoluzione non è) nel mondo del lavoro: lo smart working, il lavoro da remoto, ha permesso ai dipendenti di continuare a svolgere le proprie mansioni anche senza recarsi fisicamente in ufficio ma rimanendo comodamente a casa, una procedura che è possibile applicare anche in futuro. E, se è vero che lo smart working rappresenta il futuro di una grande fetta del mondo del lavoro, allora è necessario stabilire nuovi criteri e realizzare una regolamentazione.

Con gli uffici chiusi, le aziende hanno sicuramente tratto dei vantaggi in termini economici (meno consumi), mentre il lavoratore, essendo operativo da casa propria, ha dovuto far fronte a tutte le spese (dall’affitto alle bollette, dall’elettricità alla connessione Internet) e lasciare una porta aperta all’abusata “reperibilità”. Per questo, in Svizzera un giudice ha deciso di obbligare un’azienda elvetica a pagare un extra mensile a tutti i lavoratori, per dare un contributo all’affitto e ad altre spese.

 

 

Svizzera, il tribunale obbliga l’azienda ad aggiungere un extra per le spese

La sentenza è arrivata dopo una discordia legale tra lavoratori e impresa: secondo il giudice, l’azienda dovrà quindi pagare al dipendente un extra di 150 franchi svizzeri (circa 140 euro) ogni mese. Tale provvedimento ha effetto retroattivo, ma soltanto nel caso in cui il dipendente sia stato obbligato a lavorare da remoto contro la propria volontà e non nel caso in cui sia stato concordato da entrambe le parti.

Leggi anche:

1. Silvio Berlusconi pubblica una foto in smart working, ma la gaffe non passa inosservata / 2. Smart working e E-commerce: come reinventarsi e salvare il pianeta senza superpoteri / 3. Col Coronavirus l’Italia “scopre” lo smart working. Il rischio è un nuovo boom del precariato

Ti potrebbe interessare
Lavoro / Sfruttati, sottopagati e sovraqualificati: fino a che punto vale la pena sacrificare la propria felicità in nome della produttività?
Lavoro / “Dovevo fermarmi per tornare a respirare”: le storie dei ragazzi che hanno lasciato il proprio lavoro
Cronaca / Aerei, oggi sciopero in tutta Italia: ecco i voli a rischio
Ti potrebbe interessare
Lavoro / Sfruttati, sottopagati e sovraqualificati: fino a che punto vale la pena sacrificare la propria felicità in nome della produttività?
Lavoro / “Dovevo fermarmi per tornare a respirare”: le storie dei ragazzi che hanno lasciato il proprio lavoro
Cronaca / Aerei, oggi sciopero in tutta Italia: ecco i voli a rischio
Lavoro / illimity lancia b-ilty: il primo Business Store Digitale dedicato alle PMI
Lavoro / A1 Life: opportunità di formazione e carriera per consulenti assicurativi
Lavoro / Il sistema Guru Jobs
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Ambiente / I Green Jobs sono i lavori del futuro
Lavoro / NFT: cosa sono, rischi e scenari futuri nel metaverso
Lavoro / Professioni ICT tra squilibri geografici e gender gap