Me

Reddito di cittadinanza, il 19 luglio partono le assunzioni dei navigator

Di Giulia Angeletti
Pubblicato il 9 Lug. 2019 alle 16:17
Immagine di copertina

Reddito di cittadinanza, il 19 luglio partono le assunzioni dei navigator (e le convocazioni per i beneficiari)

Saranno operativi a partire dal prossimo 19 luglio i navigator, le nuove figure professionali chiamate ad assistere la platea dei beneficiari del reddito di cittadinanza nella ricerca di un impiego.

I 2.980 vincitori (qui la graduatoria) del concorso che si è tenuto alla Fiera di Roma gli scorsi 18, 19 e 20 giugno, infatti, verranno inquadrati con un contratto a tempo determinato di due anni – fino al 30 aprile 2021 – tra venerdì 19 e mercoledì 24 luglio 2019. Ciò avverrà però solo in seguito al completamento delle procedure di convenzione di Anpal Servizi – l’Agenzia nazionale politiche attive del lavoro responsabile delle assunzioni dei nuovi navigator.

La società presieduta da Domenico Parisi ha solo di recente – il 1 luglio scorso – chiuso l’accordo con le Regioni per quanto riguarda l’assistenza tecnica che Anpal fornirà ai diversi Centri per l’Impiego relativamente al reddito di cittadinanza e agli obblighi dei suoi beneficiari. “È stata una vittoria di gruppo, per l’Italia. L’intesa ci permette di siglare le convenzioni con le Regioni, grazie alle quali verranno subito contrattualizzati i navigator per poter avviare la fase della formazione intensiva. Le politiche attive del lavoro legate al reddito di cittadinanza entrano quindi nel vivo”, era stato l’annuncio del vertice dell’Agenzia.

Ciascuna Regione ha quindi ora a disposizione un piano operativo di assistenza tecnica dove viene spiegato, punto per punto, quelli che saranno i precisi compiti che queste nuove figure saranno chiamati a svolgere; in sostanza viene illustrato il modo in cui si concretizza il Patto per il lavoro, quello che coloro che percepiscono il sussidio introdotto con il decretone saranno obbligati a seguire.

Uno degli obiettivi del piano operativo è quindi, naturalmente, garantire coerenza e uniformità delle procedure applicate in questo senso: dalla definizione dei piani personalizzati al raccordo con le imprese e con i Comuni di residenza, tutto è stato organizzato al fine di valorizzare le diverse opportunità lavorative provenienti da ciascun territorio.

Per quanto riguarda la distribuzione provinciale, 274 navigator sono destinati a Napoli, 195 a Roma, 125 a Palermo, 107 a Torino, 100 a Catania, 78 a Bari, 77 a Salerno e 76 a Milano. Numeri, questi, che in proporzione rispondono alle diverse platee di beneficiari per ciascuna provincia. Questi ultimi, i beneficiari, inizieranno ad essere contattati il 19 luglio: in questo giorno, infatti, partiranno le convocazioni (che sono già in ritardo di qualche mese, dato che dovevano partire già ad aprile 2019).