Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:27
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia » Lavoro

Reddito di cittadinanza, i dati Istat: ne beneficia un italiano su 30

Immagine di copertina

Reddito di cittadinanza, i dati Istat: ne beneficia un italiano su 30

Primi bilanci per il reddito di cittadinanza. Dopo oltre tre mesi dall’introduzione, la misura voluta dal Movimento 5 Stelle ha avuto un impatto più rilevante (sia per numero di beneficiari sia per importi) del suo predecessore, il Reddito di inclusione (REI).

In totale – stando ai dati forniti dall’Istat – il reddito ha coinvolto circa un italiano su 30, soprattutto al sud Italia, dove risiede la grandissima maggioranza delle persone che stanno ricevendo il reddito e la pensione di cittadinanza.

LE NOTIZIE DI OGGI SUL REDDITO DI CITTADINANZA

I numeri riguardano le domande arrivate da aprile a luglio: sono 1,3 milioni e 737mila nuclei familiari sono stati dichiarati idonei. La maggior parte delle richieste è arrivata ad aprile, nel primo mese in cui era possibile presentare domanda. Quante domande? In tutto sono state 561mila, aumentando poi a maggio e giugno, ma con incrementi ridotti.

In totale le persone coinvolte sono 1,9 milioni, vale a dire un italiano su 30. L’importo medio è di 490 euro mensili: si va da una media di 387 per i beneficiari single a un massimo di 626 euro per i nuclei con cinque componenti, mentre la cifra scende a 617 per quelli con sei o più componenti. Cifre a cui si aggiungono le pensioni di cittadinanza, per un totale di 840mila nuclei. Finora è stato elaborato l’89 per cento delle domande: ne sono state accolte il 62 per cento.

Dove è stato chiesto di più il reddito di cittadinanza

La maggior parte delle domande accolte ad oggi proviene dal Sud Italia (459mila i nuclei). Al centro: 110mila. Al nord: 167 mila. Al nord est, in particolare, troviamo i valori più bassi con il più alto tasso di domande respinte, più di una su due.

Sulla base dei dati Inps emerge che le domande presentate al Sud e nelle Isole sono il 61 per cento del totale, contro il 24 per cento del Nord e il 15 per cento del Centro. Quali sono le regioni con più domande accolte? Campania, Sicilia, Lazio e Puglia insieme raggiungono il 54 per cento del totale dei nuclei beneficiari di tutta Italia.

Ti potrebbe interessare
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Ambiente / I Green Jobs sono i lavori del futuro
Lavoro / NFT: cosa sono, rischi e scenari futuri nel metaverso
Ti potrebbe interessare
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Ambiente / I Green Jobs sono i lavori del futuro
Lavoro / NFT: cosa sono, rischi e scenari futuri nel metaverso
Lavoro / Professioni ICT tra squilibri geografici e gender gap
Economia / Start-up, fucina di idee. E di lavoro
Cronaca / Prato, operai licenziati via whatsapp per non aver lavorato a Pasquetta. Ministro manda gli ispettori
Lavoro / Perché le donne CEO sono così poche in Italia?
Lavoro / Il lavoro del futuro è nelle mani delle persone
Lavoro / L’importanza di compilare un foglio presenze mensile
Lavoro / Concorsi, 11mila nuovi posti di lavoro nella Pubblica amministrazione: come partecipare