Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:49
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia » Lavoro

Esselunga, più di 180 mila per un posto fisso: il sogno intramontabile degli italiani

Immagine di copertina

Primo stipendio di 1.200 euro netti con tredicesima e quattordicesima. Previsti affiancamento per imparare il mestiere e molta formazione

Esselunga, selezioni per un posto fisso: il sogno intramontabile degli italiani

Gli italiani non si rassegnano a essere un popolo di free lance, il miraggio del posto fisso è ancora vivo e molto presente. Un sogno intramontabile. E uno stipendio puntuale da 1200 euro al mese, con tredicesima e quattordicesima e straordinari retribuiti, fa gola a tanti. A 180 mila italiani, di tutte le età e di tutte le estrazioni sociali, sicuramente. Sono loro l’esercito dei candidati per i posti di “allievo responsabile” messi a disposizione da Esselunga, il primo gruppo per la grande distribuzione in Italia. Le selezioni sono attualmente in corso in tutte le aree del Paese in cui si trovano i punti vendita Esselunga.

Tra i candidati c’è tutta la Commedia umana: il laureato che non riesce a trovare lavoro, il giovane creativo che ha bisogno di soldi sicuri per mantenere la sua arte, la straniera che è arrivata in Italia da poco e sta cercando lavoro. Ma anche il ragazzo che vuole rendersi indipendente dai suoi e sa che gli piace affettare (e mangiare) la carne ai barbecue con gli amici e la cassiera del piccolo mini market piegato dalla crisi economica. E, infine, persino la cliente che, a forza di fare la spesa all’Esselunga, un pensierino a lavorare tra quelle mura non lo disdegna.

C’è anche la giornalista freelance del quotidiano La Stampa, Chiara Baldi. “Mi presento come ex barista ed ex segretaria, una laurea in lingue e una in lettere: è tutto vero, la vita di una giornalista freelance regala grandi sorprese, alle volte”, racconta in un articolo che è nata dalla sua esperienza al Job Day di Esselunga a Milano.

“Mi piacerebbe lavorare nel reparto panetteria. Carne no, non la mangio da 14 anni”, dice, raccontando che iscriversi è stato molto semplice. È bastato creare un profilo sul sito con email e password, inserire i propri dati personali e specificare se si è in possesso di un diploma o di una laurea.

Da lì, la scrematura da 14 mila a 1100. “Come? – si chiede Baldi -. Non è chiarissimo: un algoritmo creato in base a domande specifiche a cui il candidato, con il proprio profilo, risponde. E infatti nella stanza in cui ci siamo ritrovati ieri mattina a compilare documenti per la privacy e a assistere alla presentazione del gruppo, c’era un po’ di tutto”.

Quanto ci costa la fuga all’estero dei giovani: in 10 anni l’Italia ha perso 16 miliardi di Pil

Esselunga, le posizioni aperte e cosa serve per candidarsi

“Quest’anno la società ha ricevuto in tutta Italia oltre 330mila candidature da 180mila candidati che si sono presentati per diversi mestieri – spiega al Sole 24 ore Daniele Del Gobbo, responsabile selezione ed employer branding -. Nel 2019 assumeremo circa 3mila persone, in crescita rispetto al 2018 quando erano state 2.500″.

Le posizioni aperte per le selezioni di Esselunga sono molte: non soltanto responsabili per casse e reparti, ma anche per i centri di produzione, per la sicurezza, per l’area ristorazione. Ma anche per il marchio Esserbella, l’area dedicata alla cosmesi, ci sono selezioni per estetisti e parrucchieri. “Nei prossimi anni, poi, con lo sviluppo delle parafarmacie, assumeremo tra i 200 e i 300 farmacisti”, annuncia Del Gobbo.

La prospettiva che viene rappresentata ai candidati è un mestiere, molta formazione, uno stipendio di tutto rispetto e, soprattutto, il posto fisso. E la cosa importante, che alletta tanti, è che non è necessaria troppa esperienza.

“No, non necessariamente – dice Del Gobbo -. Chi viene selezionato, svolge un periodo di affiancamento di qualche mese in più di un negozio”. Insomma il candidato prescelto viene praticamente forgiato a misura di Esselunga.

Esselunga, le selezioni aperte e come candidarsi

Ti potrebbe interessare
Lavoro / Il data scientist è entrato nel cuore delle aziende
Lavoro / Gaming, realtà virtuale e smart working: lavoro e videogame
Economia / La digitalizzazione nel mondo del lavoro e la disuguaglianza di genere
Ti potrebbe interessare
Lavoro / Il data scientist è entrato nel cuore delle aziende
Lavoro / Gaming, realtà virtuale e smart working: lavoro e videogame
Economia / La digitalizzazione nel mondo del lavoro e la disuguaglianza di genere
Economia / Hai un’idea? Può diventare business. Intervista al Founder Alfredo Fefè
Lavoro / Telecamere nei luoghi di lavoro? Come il VAR sui campi di calcio
Lavoro / Whatsapp e lavoro: attenzione alle chat
Cronaca / Le lauree che fanno trovare subito lavoro (e guadagnare di più)
Lavoro / Bologna, Logista licenzia 90 dipendenti con un messaggio su WhatsApp
Lavoro / Lavoratori Gkn criticano il leader della Cgil Landini: “No passerelle mediatiche”
Economia / Chiude anche la Timken di Villa Carcina, 106 licenziati