Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 16:30
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Leggi Repubblica e compri un’auto: così gli affari del gruppo Gedi si fanno sempre più in famiglia

Immagine di copertina

I giornali del gruppo Gedi diventano una vetrina per acquistare macchine: la società della famiglia Agnelli-Elkann, infatti, ha annunciato l’acquisizione del portale AutoXY, un motore di ricerca che semplifica per l’appunto l’acquisto di una vettura.

Fin qui nulla di strano se non fosse che il gruppo Gedi, editore dei quotidiani La Repubblica, La Stampa, Il Secolo XIX e diverse testati locali, nonché del settimanale l’Espresso, fa parte di Exor, la holding finanziaria della famiglia Agnelli che è anche la prima azionista di Stellantis, l’azienda produttrice di autoveicoli nata dalla fusione tra Fiat e Peugeot e presieduta proprio da John Elkann.

AutoXY, come spiega il comunicato di Gedi, è una “piattaforma che semplifica la ricerca di un’automobile creando un collegamento diretto tra gruppi automobilistici, concessionari e clienti finali. Attraverso l’uso di questo portale, l’utente viene accompagnato in un percorso che trasforma ogni potenziale interesse in una valutazione o effettiva proposta d’acquisto”.

Secondo quanto comunicato “Gedi acquisisce il 78% della società mentre il restante 22% resterà in mano al CEO Boris Cito (20%) e al CTO Matteo Serafino (2%), che rimangono dunque coinvolti nel percorso di crescita dell’azienda”.

Maurizio Scanavino, ad di Gedi, invece spiega il perché dell’operazione: “L’investimento in AutoXY ha una duplice finalità: da una parte servizio per gli utenti delle testate di GEDI e dall’altra efficace strumento di comunicazione digitale a performance per i clienti pubblicitari del settore automotive”.

Un’operazione di marketing, dunque, che rischia però di far perdere un po’ di “autorevolezza” ai quotidiani online del gruppo. I lettori di Repubblica e Stampa, infatti, d’ora in avanti avranno la possibilità di leggere le notizie sui siti del gruppo e al tempo stesso comprare un’auto con un semplice click. Se la vettura, poi, appartenesse a uno dei quattordici marchi automobilistici del gruppo Stellantis, tanto meglio.

Ti potrebbe interessare
Economia / Crisi: il Covid ha spazzato via i progetti di vita di due famiglie su tre
Economia / Chiude anche la Timken di Villa Carcina, 106 licenziati
Economia / La settimana corta è un successo ovunque. In Italia invece continuiamo a lavorare di più e (quindi) peggio
Ti potrebbe interessare
Economia / Crisi: il Covid ha spazzato via i progetti di vita di due famiglie su tre
Economia / Chiude anche la Timken di Villa Carcina, 106 licenziati
Economia / La settimana corta è un successo ovunque. In Italia invece continuiamo a lavorare di più e (quindi) peggio
Economia / Altro che equità fiscale e sviluppo sostenibile, la riforma del fisco di Draghi non ha coperture
Economia / "I profitti del vaccino anti-Covid di Moderna finiranno nei paradisi fiscali"
Economia / Ecofin approva il Piano nazionale di ripresa e resilienza dell'Italia
Economia / El Salvador diventa il primo Paese al mondo a legalizzare il Bitcoin
Cronaca / A Venezia, l'accordo sulla tassazione globale e gli scontri tra manifestanti e polizia
Lavoro / Chiude la Gkn di Campi Bisenzio: altri 422 lavoratori lasciati a casa con una e-mail
Ambiente / La ripartenza in rosa ed eco-sostenibile delle sorelle Roncato: “Torniamo a viaggiare rispettando l’ambiente”