Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:43
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Il Fondo monetario internazionale taglia le stime di crescita dell’Italia per il 2019

Immagine di copertina

Il Fondo monetario internazionale taglia le stime di crescita dell’Italia per il 2019

Il Fondo monetario internazionale ha rivisto al ribasso le stime del Pil italiano. Nel 2019 si prevede una crescita pari a zero per il nostro paese, dopo lo 0,9 per cento del 2018. Si tratta di 0,1 punti percentuali in meno rispetto alle precedenti previsioni dell’Fmi diffuse a luglio e ad aprile. Per il 2020 la previsione è di una crescita del +0,5 per cento. Secondo il Fondo monetario internazionale su queste stime pesa l’indebolimento della domanda interna, un minore impulso si bilancio e un contesto esterno più debole.

Il verdetto dell’Fmi arriva proprio mentre in Italia si discute il Documento programmatico di bilancio, che entro la mezzanotte di oggi, 15 ottobre, dovrà essere inviato a Bruxelles.

Il Fmi taglia anche le stime di crescita di Germania e Francia, e rivede al ribasso quelle del Regno Unito per il 2019. Per la Germania il Fondo stima una crescita dello 0,5% quest’anno e dell’1,2% nel 2020, in calo rispettivamente di 0,2 e 0,5 punti percentuali rispetto alle stime di luglio. Il pil francese crescerà quest’anno dell’1,2% e il prossimo dell’1,3% (in tutti e due casi -0,1 su luglio). La Gran Bretagna è attesa crescere dell’1,2% quest’anno (-0,1 su luglio) e dell’1,4% nel 2020 (invariata su luglio).

Le stime sul debito pubblico

Per l’Italia è “particolarmente essenziale” un impegno “credibile” per un calo del debito pubblico nel medio termine. Lo afferma il Fmi, osservando come il debito italiano è elevato così come il fabbisogno lordo di finanziamento. Il Fondo stima un debito pubblico in aumento al 133,2 nel 2019 dal 132,2% del 2018. Nel 2020 salirà ancora attestandosi al 133,7%, per poi raggiungere il 134% nel 2024. Il deficit è previsto scendere al 2,0% del pil quest’anno dal 2,1% del 2018. Nel 2020 sarà al 2,5% e raggiungerà il 2,6% nel 2024.

Che cos’è il Pil

Il Pil è uno degli indicatori maggiormente utilizzati per quantificare la produttività di un paese e la sua capacità di produrre ricchezza. Non misura quindi la ricchezza in sé, ma è il valore di mercato di tutti i beni e servizi finali prodotti all’interno di un paese, da residenti e non, in un determinato periodo.

Che cos’è il Pil e quali sono le alternative per misurare il benessere di un paese

Ti potrebbe interessare
Economia / Pos obbligatorio solo a partire da 60 euro, il governo: “In corso colloqui con l’Ue”
Economia / Dall’Italia 450 milioni di euro per armare l’Ucraina: il calcolo dell’Osservatorio Mil€x
Economia / Manovra, obbligo Pos solo sopra i 60 euro: sale ancora il limite di esenzione
Ti potrebbe interessare
Economia / Pos obbligatorio solo a partire da 60 euro, il governo: “In corso colloqui con l’Ue”
Economia / Dall’Italia 450 milioni di euro per armare l’Ucraina: il calcolo dell’Osservatorio Mil€x
Economia / Manovra, obbligo Pos solo sopra i 60 euro: sale ancora il limite di esenzione
Economia / La finanza pulita punta sul clima
Economia / Il miracolo di Amazon è finito
Economia / Associazione Guido Carli: conferito all’economista Lord Mervyn King il Premio Bancor 2022
Economia / Manovra, esenzioni per il pos per pagamenti sotto i 30 euro e multe sospese per gli esercenti
Lavoro / Concorsi pubblici 2022: ecco i bandi attivi a dicembre
Economia / Intesa Sanpaolo: in due mesi 87 milioni di aumento una tantum ai dipendenti
Economia / L’Associazione Guido Carli lancia il Premio Bancor. La prima edizione a Mervyn King