Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:48
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Flat tax, nuovo scontro tra Matteo Salvini e Giovanni Tria durante il vertice a Palazzo Chigi

Immagine di copertina

Flat tax ultime notizie | Nuovo scontro tra Salvini e Tria a Palazzo Chigi

Flat tax ultime notizie | Questa mattina, a partire dalle ore 9, si è tenuto un vertice di governo a cui hanno presenziato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, i suoi due vice Matteo Salvini e Luigi Di Maio, il ministro dell’Economia Giovanni Tria, i suoi vice Garavaglia e Castelli, il sottosegretario Giorgetti e il ministro per i Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro.

Nel corso del vertice sono state affrontate le importanti e urgenti questioni economiche legate alla minaccia dell’avvio di una procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia per debito eccessivo, di cui la Commissione europea ha avviato i primi passi e che l’esecutivo è impegnato a scongiurare.

Se il vertice di Ecofin, Tria, ha rassicurato rispetto all’eventualità di una manovra economica bis e ha ribadito la sua speranza per quanto riguarda l’apertura di un dialogo con la Commissione, il ministro degli Interni Matteo Salvini ha invece continuato a parlare della necessità di andare avanti con la Flat tax.

La ormai celebre “tassa piatta” secondo il segretario del Carroccio dovrà assolutamente esserci nella prossima manovra finanziaria, motivo per cui si rende necessario cominciare fin da ora a lavorarci. Anche se ora le urgenze sono ben altre, come ad esempio abbassare il debito e impostare un percorso che porti alla riduzione del deficit. A farlo notare al vicepremier leghista lo stesso Tria, il quale – come riferito da Repubblica avrebbe domandato a Salvini in che modo pensa di trovare le coperture necessarie a realizzare la Flat tax.

A quel punto il capo del Viminale ha risposto che “c’è un pacchetto pronto”, che la Lega è pronto a presentarlo e che non mancheranno per quanto lo riguarda tutte le indicazioni circa la sostenibilità della misura.

Dopo aver replicato a Tria Salvini ha poi congedato tutti i presenti: “E ora perdonatemi ma avevo precedenti impegni al Viminale”, sono infatti state le sue ultime parole prima di abbandonare (in anticipo rispetto alla conclusione del vertice di governo) Palazzo Chigi meno di un’ora più tardi e prepararsi per la sua diretta Facebook dai tetti del ministero degli Interni.

Vertice tra Conte, Salvini, Di Maio e Tria: fumata nera sulle questioni economiche

Ti potrebbe interessare
Economia / Acquisizione Mps, si blocca la trattativa tra Unicredit e Mef: verso rottura
Economia / Banca Ifis è la prima challenger bank italiana che aderisce alla Net-Zero Banking Alliance
Economia / Whistleblowing, come le aziende devono organizzarsi a tutela dei dipendenti
Ti potrebbe interessare
Economia / Acquisizione Mps, si blocca la trattativa tra Unicredit e Mef: verso rottura
Economia / Banca Ifis è la prima challenger bank italiana che aderisce alla Net-Zero Banking Alliance
Economia / Whistleblowing, come le aziende devono organizzarsi a tutela dei dipendenti
Economia / Tampon tax, Manovra 2022: governo approva la riduzione dell’iva al 10% e non al 4%
Economia / Fenomeno Great Resignation: negli USA milioni di persone si stanno volontariamente dimettendo dal proprio lavoro
Cronaca / Autotrasportatori senza Green Pass: da venerdì rischio scaffali vuoti
Economia / La leadership nelle PMI: efficienza e motivazione del team sono al primo posto
Cronaca / Green Pass, l’allarme di Coldiretti: “100mila non vaccinati nei campi. A rischio i raccolti”
Economia / Smartworking, i dipendenti Amazon potranno lavorare da remoto per sempre
Cronaca / Il premio Nobel per l’Economia va a David Card e Joshua Angrist e Guido Imbens