Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Coronabond: in Europa la differenza tra paesi non è nord/sud ma indebitati e poco indebitati

Immagine di copertina

La narrazione è questa: i Paesi del nord, guidati dall’Olanda, sono austeri e cattivi. Non hanno cuore, e vogliono il male del nostro paese e delle altre regioni d’Europa in cui splende il sole più giorni all’anno. La verità, però, è più complessa di quella presentata da post di Facebook e catene Whatsapp, e ha a che vedere con le differenze economiche, prima ancora che culturali, dei diversi Paesi coinvolti

Coronabond: in Europa la differenza tra paesi è sui debiti non tra Nord e Sud

Il dibattito politico italiano ha la caratteristica di trovarsi spesso polarizzato su posizioni apparentemente opposte, anche quando questo non rispecchia la realtà. Accade oggi con la contrapposizione tra MES e Coronabond, i cui principi sono pressoché gli stessi, con la differenza che il secondo strumento è molto difficile da realizzare (anche se porta un nome più gradito) e, in questa fase, con la presunta contrapposizione tra paesi del Nord Europa e paesi del Sud Europa. La narrazione è questa: i paesi del nord, guidati dall’Olanda, sono austeri e cattivi. Non hanno cuore, e vogliono il male del nostro paese e delle altre regioni d’Europa in cui splende il sole più giorni all’anno. La verità, però, è più complessa di quella presentata da post di Facebook e catene Whatsapp, e ha a che vedere con le differenze economiche, prima ancora che culturali, dei diversi paesi coinvolti.

I nove paesi che hanno firmato la lettera di richiesta di attivazione di uno strumento comune di debito alternativo al finanziamento del MES sono Italia, Francia, Spagna, Belgio, Grecia, Irlanda, Lussemburgo e Slovenia. Come ha fatto però notare l’economista Nicola Rossi, sei di questi paesi, ovvero Italia, Francia, Spagna, Belgio, Portogallo e Grecia sono caratterizzati da un debito pubblico superiore alla media UE. Non solo, la somma il debito pubblico di questi paesi equivale ai due terzi di tutto il debito pubblico dei paesi dell’Unione Europea. L’Italia in questa classifica, è seconda solo alla Grecia, rispettivamente con 181% di valore nel rapporto debito/Pil e 132% per l’Italia. L’Olanda, ad esempio, presenta un valore inferiore alla metà dell’Italia, con circa il 52% e anche l’Austria presenta conti più in ordine, attestandosi al 73%.

coronavirus europa

Una situazione debitoria di questo livello non permette ai paesi di far fronte all’emergenza fiscale ed economica facilmente. Sull’Italia pesano decenni di scelta politico-economiche estremamente dispendiose, e non sempre strategiche, che hanno contribuito ad alimentare ed appesantire il debito pubblico. Oltre al rapporto debito pubblico e Pil, vi è infine un’altra caratteristica comune ad alcuni dei paesi che hanno firmato l’appello, ed è quella che riguarda le istituzioni finanziarie. I dati Ocse indicano un rapporto debito/patrimonio netto delle istituzioni finanziarie di Grecia, Italia e Spagna, di gran lunga superiore ai paesi non-firmatari, come si evince dal grafico successivo.

coronavirus europa

Questo indica che le nostre istituzioni finanziarie risultano più fragili, rispetto a quelle dei paesi “virtuosi”, come Olanda, Austria o Lussemburgo, e per questo il loro sostegno alla ripresa economica potrebbe richiedere più tempo o garanzie. Più che differenze geografiche, insomma, dovremmo parlare di differenze economiche o macroeconomiche, che non sono altro che il frutto di scelte politiche, quelle che oggi condannano l’Italia al 132% di debito, ad una stima del Pil sul 2020 del -10% e a scenari pressoché incerti per imprese e cittadini.

Leggi anche: 1. “In Lombardia non si potevano fare zone rosse, non si poteva fermare la produzione”: parla a TPI il presidente di Confindustria Lombardia / 2. Per avere gli Eurobond servono gli Stati Uniti d’Europa (di E. Serafini)

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Economia / Rodolfo Errore si dimette dalla presidenza di Sace
Economia / In Italia un lavoratore su 10 vive in povertà: il rapporto del ministero. Si pensa al salario minimo
Lavoro / Manutenzione Predittiva e Condition Monitoring al centro dell’universo ISE
Ti potrebbe interessare
Economia / Rodolfo Errore si dimette dalla presidenza di Sace
Economia / In Italia un lavoratore su 10 vive in povertà: il rapporto del ministero. Si pensa al salario minimo
Lavoro / Manutenzione Predittiva e Condition Monitoring al centro dell’universo ISE
Economia / Con il Covid aumentata la disuguaglianza: “Raddoppiati i patrimoni dei più ricchi”. La denuncia di Oxfam
Economia / A Bruxelles l’Eurocasta non conosce crisi
Economia / Autostrade, il Governo dà l’ok al riassetto: Benetton e i fondi brindano, gli automobilisti pagano
Economia / Nella Legge di Bilancio 105 milioni di mance e marchette, dalle corse ippiche alle piante aromatiche
Economia / Air Italy, arrivano prime lettere di licenziamento: “Con effetto immediato”
Economia / Elon Musk è il più ricco del mondo, scalzato Jeff Bezos: la classifica Bloomberg
Cronaca / Bollette, in arrivo rincari record: l’elettricità aumenta del 55% e il gas del 41,8%