Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Confindustria, la battaglia per l’elezione del presidente è anche sui social

Immagine di copertina
Carlo Bonomi e Licia Mattioli, due dei candidati al ruolo di nuovo presidente di Confindustria

Confindustria, la battaglia per l’elezione del presidente è anche sui social

Entra sempre più nel vivo la battaglia per l’elezione del nuovo presidente di Confindustria, prevista per il mese di marzo 2020: la sfida tra i vari candidati non si gioca soltanto nelle conferenze e nelle interviste, ma anche sui social network.

I social, si sa, sono al centro della vita quotidiana di milioni di utenti e per questo diventano strumento importantissimo per una “campagna elettorale” low-cost e con un pubblico potenzialmente vastissimo. E nei giorni successivi al grande evento per i 110 anni di Confindustria, festeggiati sabato 1 febbraio a Torino (luogo di nascita dell’associazione), i vari candidati hanno iniziato a infiammare la competizione a suon di post e tweet.

Il favorito alla vittoria finale, Carlo Bonomi, sembra essere molto a suo agio sui social, ma la vicepresidente Licia Mattioli a questo proposito sembra pronta a dargli del filo da torcere. Lo si evince proprio dai post pubblicati nel giorno dei festeggiamenti per i 110 anni di Confindustria. In termini quantitativi, Licia Mattioli ha generato maggiore interazioni rispetto al candidato lombardo: in particolare il suo post LinkedIn ha raccolto 342 reazioni e 8 commenti, mentre quello di Bonomi si è fermato a 57 reazioni e nessun commento.

Anche su Twitter, i dati quantitativi ci dicono che i tweet pubblicati dal profilo personale di Licia Mattioli hanno generato un maggior numero di interazioni: 238 tra “Mi piace” e Retweet, suddivisi però tra 5 post. Carlo Bonomi, con un unico cinguettio, ha raccolto 71 reazioni.

Curiosa invece la scelta di Giuseppe Pasini. L’imprenditore bresciano, che avrebbe da poco stretto un patto con Emanuele Orsini per la corsa alla presidenza di Confindustria, non ha account social personali. Una strategia che pagherà o che lo penalizzerà? A marzo la risposta.

Leggi anche:

Confindustria Roma, polemiche per il sostegno della “casta” a Bonomi

Confindustria elegge il nuovo presidente: corsa a 4, favoriti Licia Mattioli e Carlo Bonomi

Ti potrebbe interessare
Economia / Banca Ifis è la prima challenger bank italiana che aderisce alla Net-Zero Banking Alliance
Economia / Whistleblowing, come le aziende devono organizzarsi a tutela dei dipendenti
Economia / Tampon tax, Manovra 2022: governo approva la riduzione dell’iva al 10% e non al 4%
Ti potrebbe interessare
Economia / Banca Ifis è la prima challenger bank italiana che aderisce alla Net-Zero Banking Alliance
Economia / Whistleblowing, come le aziende devono organizzarsi a tutela dei dipendenti
Economia / Tampon tax, Manovra 2022: governo approva la riduzione dell’iva al 10% e non al 4%
Economia / Fenomeno Great Resignation: negli USA milioni di persone si stanno volontariamente dimettendo dal proprio lavoro
Cronaca / Autotrasportatori senza Green Pass: da venerdì rischio scaffali vuoti
Economia / La leadership nelle PMI: efficienza e motivazione del team sono al primo posto
Cronaca / Green Pass, l’allarme di Coldiretti: “100mila non vaccinati nei campi. A rischio i raccolti”
Economia / Smartworking, i dipendenti Amazon potranno lavorare da remoto per sempre
Cronaca / Il premio Nobel per l’Economia va a David Card e Joshua Angrist e Guido Imbens
Economia / Stellantis: tagli in Italia, assunzioni in Francia