Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Assegno familiare Inps 2021, cosa sapere su quando e come fare domanda

Immagine di copertina

Assegno familiare Inps 2021: quando e come fare domanda

A partire dall’1 marzo 2022, entra in vigore l’assegno famigliare unico universale, conosciuto anche ai più come assegno famigliare Inps. Si tratta di un sostegno economico che il genitore percepisce in base al numero di figli minorenni e maggiorenni (fino a 21 anni compiuti) che fanno parte del nucleo famigliare. L’assegno viene erogato in seguito alla presentazione dell’ISEE, che permetterà di valutare numero di figli a carico e reddito della famiglia. L’assegno previsto dall’Inps varia importo a seconda di diversi fattori, prima tra tutti il numero dei figli a carico. In più, una volta compiuti 21 anni, i figli maggiorenni non potranno più usufruire del sostegno economico dell’Inps. Ma come e quando presentare la domanda per richiedere l’assegno unico e universale?

Quando e come fare domanda

Tutti possono presentare la domanda per ottenere l’assegno famigliare Inps 2021. Tutte le categorie di lavoro sono comprese, dai lavoratori dipendenti (sia privati che pubblici) ai lavoratori autonomi, così come pensionati, disoccupati e inoccupati. Anche chi percepisce il Reddito di Cittadinanza può richiedere l’assegno famigliare. Ma chi può chiedere il contributo economico dell’Inps? Bisogna rispettare requisiti di cittadinanza, residenza e soggiorno. Qui è possibile approfondire maggiormente la questione.

Come fare invece la domanda per l’assegno famigliare Inps 2021? Può essere presentata dall’1 gennaio 2022 da uno dei due genitori attraverso la piattaforma Inps con Spid di livello 2, carta identità elettronica 3.0 o carta nazionale dei servizi. In alternativa si può contattare il numero verde, disponibile sul sito Inps, oppure tramite enti di patronato. Se il genitore non è disponibile, la domanda può essere presentata anche dal tutore legale del figlio. I ragazzi che hanno compiuto 18 anni, invece, possono presentare autonomamente la domanda, chiedendo la corresponsione diretta della quota. Per tutte le domande che sono state già inoltrate a gennaio e febbraio 2022, l’assegno in questo caso sarà corrisposto da marzo 2022. Ogni quanto arrivano i pagamenti? Dal 15 al 21 marzo.

Ti potrebbe interessare
Economia / Bollette, nuovo decreto contro il caro energia. Draghi: “Evitati aumenti fino al 45%”
Economia / Investire nel 2022 puntando sulla consulenza evoluta: le risposte di BNL BNP Paribas
Economia / Fame zero e corretta nutrizione nell’obiettivo di BG4SDGs – Time To Change, il progetto fotografico di Banca Generali e Stefano Guindani
Ti potrebbe interessare
Economia / Bollette, nuovo decreto contro il caro energia. Draghi: “Evitati aumenti fino al 45%”
Economia / Investire nel 2022 puntando sulla consulenza evoluta: le risposte di BNL BNP Paribas
Economia / Fame zero e corretta nutrizione nell’obiettivo di BG4SDGs – Time To Change, il progetto fotografico di Banca Generali e Stefano Guindani
Economia / Gli imperi sportivi più ricchi del mondo, tra Europa e America
Economia / La Russia è vicina al default: le sanzioni bloccano i pagamenti sui bond in dollari ed euro
Economia / Smart working, diritti Lgbt, parità di genere: ecco chi è Melissa Peretti, il nuovo capo di Google in Italia
Economia / Aeroporti: “Entusiasmo e speranza per ripartire e tornare a vivere”
Cronaca / Gas, prezzi alle stelle dopo gli stop russi alle forniture: oggi +20%
Lavoro / illimity lancia b-ilty: il primo Business Store Digitale dedicato alle PMI
Economia / Russia, Gazprom taglia il gas all’Italia senza preavviso: riduzione del 15%