Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:05
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Un libro di corsa: Queenie

Immagine di copertina

Un libro di corsa – Queenie

un libro di corsa

Queenie è giamaicana, lavora a Londra ed ha una relazione con Tom. Con il ragazzo, ultimamente, non è tutto rosa e fiori anzi…. Decidono di prendersi una “pausa”.

Nella lingua di lui significa che si sono lasciati, mentre lei pensa che dopo poco sarebbero tornati insieme. I mesi passano, ma lui non dà segni di vita e Queenie decide di prendere il toro per le corna, andando a casa di Tom.

Sorpresona: lui sta con un’altra. Inizia, per Queenie, un circolo autodistruttivo che la porta a un crollo nervoso e ad andare in terapia, dove il vaso di Pandora si apre.

Un libro da cui difficilmente sono riuscita a staccarmi, perché siamo tutti Queenie.

RECENSIONI VELOCI

Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Indomabile
Cultura / Virtual Politik: il libro dei ventenni Crisanti e Sensi sulla rivoluzione digitale della politica
Cultura / La lotta alla povertà come politica pubblica
Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Indomabile
Cultura / Virtual Politik: il libro dei ventenni Crisanti e Sensi sulla rivoluzione digitale della politica
Cultura / La lotta alla povertà come politica pubblica
Cultura / I misteri della Silicon Valley: i segreti dietro le immagini ufficiali delle grandi compagnie tecnologiche
Cultura / Un libro di corsa: Le cose giuste
Cultura / Un libro di corsa: Ciao per sempre
Cultura / “È possibile che per tanto amore non ci sia una ricompensa?”, in libreria la malinconia di Joë Bousquet 
Cultura / Un libro di corsa: La notte non perdona
Cultura / Un libro di corsa: Il frutto della passione
Cultura / Houellebecq e il timore francese per l’islamo-gauchismo