Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Stephen Wiltshire, l’artista autistico che disegna intere città a memoria

Immagine di copertina

La storia dell'artista britannico diventato famoso in tutto il mondo per le sue accurate riproduzioni degli skyline delle città

L’artista autistico che disegna accuratamente intere città a memoria: Stephen Wiltshire

Stephen Wiltshire è un artista autistico in grado di disegnare accuratamente intere città a memoria, dopo averle osservate anche solo per poco tempo. Come si legge sul suo sito, ha un “particolare talento per la realizzazione di accurate rappresentazioni delle città, a volte dopo averle osservate solo per poco tempo”.

Nato a Londra il 24 aprile del 1974, da bambino Stephen Wiltshire non parlava e non si relazionava con gli altri. La diagnosi di autismo è arrivata quando aveva 3 anni.

Quando aveva 5 anni, Stephen ha frequentato la scuola Queensmill, a Londra, dove gli insegnanti si sono accorti che il suo unico passatempo era disegnare. Prima gli animali, poi gli autobus di Londra, infine gli edifici, i suoi disegni erano capolavori di prospettiva e rivelavano un talento innato per l’arte.

Stephen ha iniziato a parlare solamente a nove anni, dopo che i suoi insegnanti lo avevano stimolato togliendogli temporaneamente il materiale per disegnare e spingendolo a chiederlo indietro. La sua prima parola è stata “carta”.

 

Quando aveva otto anni, Stephen ricevette il suo primo lavoro su commissione: un disegno della cattedrale di Salisbury per il primo ministro britannico Margaret Thatcher.

In seguito, realizzò uno dei suoi primi lavori (“The London Alphabet”): una collezione di disegni che mostrava famosi monumenti di Londra, uno per ogni lettera dell’alfabeto.

Un noto programma televisivo di approfondimento scientifico della Bbc, presentò Stephen Wiltshire a 11 anni durante una puntata del 1987 sulle persone autistiche con capacità eccezionali. La trasmissione lo portò in un edificio che non aveva mai visto prima: la stazione ferroviaria di St. Pancras, nel centro di Londra, un esempio di architettura vittoriana pieno di intricati dettagli, e gli chiese disegnarla a memoria quello stesso giorno.

A soli 13 anni, Stephen pubblicò il suo primo libro, una raccolta intitolata Drawings. Nel 1998, quando si diplomò alla City & Guilds of London Art School, aveva già pubblicato altri tre libri.

Il suo libro del 1991, Floating Cities, arrivò in cima alla lista dei bestseller del Sunday Times.

Oggi Stephen si sposta in elicottero per sorvolare sulla città che intende disegnare, memorizzando i dettagli che poi replica su una grande superficie nell’arco di 5-10 giorni. A volte, disegna anche di fronte ad un pubblico.

Il suo motto è “Fai il meglio che puoi, e non fermarti mai”.

Nel 2006, Stephen è stato nominato membro dell’Eccellentissimo Ordine dell’Impero Britannico per i suoi servizi nel mondo dell’arte.

Tra le città che ha disegnato ci sono Singapore, Hong Kong, Madrid, Dubai, Gerusalemme, Roma, Londra e Francoforte.

In un’intervista al Guardian del 2017, la sorella di Stephen, Annette, ha detto che è l’abilità artistica di suo fratello, non il suo autismo, che lo contraddistingue davvero. “Stephen non sa cos’è l’autismo”, ha detto. “Ma sa di essere un artista. È importante concentrarsi sul suo talento e su come ha superato i suoi ostacoli”.

Questo è il profilo Instagram di Stephen. Qui sotto, invece, un suo disegno di Roma.

“Sono cresciuta senza sapere di essere autistica”: la testimonianza di una donna con la sindrome di Asperger

Qui sotto il video in timelapse in cui Stephen Wiltshire disegna lo skyline di Singapore:

Ti potrebbe interessare
Cultura / Il progetto ReWriters entra nei licei e dialoga con la società civile per riscrivere le regole della convivenza sociale
Cultura / “Il virus e la crisi climatica hanno unito il mondo”: intervista al filosofo Emanuele Coccia
Cultura / Luoghi comuni e autoreferenzialità ideologica: ne “Il Dio verde” l’ecologismo di facciata finisce sotto accusa
Ti potrebbe interessare
Cultura / Il progetto ReWriters entra nei licei e dialoga con la società civile per riscrivere le regole della convivenza sociale
Cultura / “Il virus e la crisi climatica hanno unito il mondo”: intervista al filosofo Emanuele Coccia
Cultura / Luoghi comuni e autoreferenzialità ideologica: ne “Il Dio verde” l’ecologismo di facciata finisce sotto accusa
Cultura / Charles Baudelaire: il poeta del mal de vivre
Cultura / Un libro di corsa: Una nuova vita con Llyod
Cultura / Roma Arte in Nuvola
Cultura / Altro che emancipazione: il libro di Emily Ratajkowski non risolve la questione morale della mercificazione di sé
Cultura / Un libro di corsa: Io e (il) mostro
Cultura / De Giovanni a TPI: “Draghi non è espressione del voto democratico”
Cultura / Tutta la magia del Natale da Nord a Sud Italia