Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:30
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Salone del Libro, Pif contro CasaPound: “Sarà la società antifascista a far fallire Altaforte”

Immagine di copertina
Pif. Credit: Twitter/Feltrinelli

“Hanno vinto i partigiani e viviamo in democrazia, quindi nessuno vieta a un editore di pubblicare libri fascisti. Sarà la società sana, antifascista a far fallire
quella casa editrice perché nessuno, si spera, comprerà quei libri”. A pronunciare queste parole è l’attore e regista Pierfrancesco Diliberto, meglio noto al grande pubblico come Pif.

Segui tutti gli aggiornamenti sul Salone del Libro

Ospite dell’appuntamento letterario del Salone del Libro di Torino, l’attore siciliano è intervenuto sul caso della casa editrice Altaforte. “A Torino è successo quello che in una società con valori antifascisti doveva succedere”, ha detto ancora Pif.

“È capitata la cosa migliore che potesse capitare. Chi ha vissuto i campi di concentramento sta fuori e gli altri stanno dentro? Sarebbe stato talmente imbarazzante che fortunatamente si sono invertite le cose”, ha aggiunto l’attore.

“Ieri avevo la maglietta dei partigiani, ma visto che il pericolo è scampato ho pensato che posso ritornare a mettere magliette minchione come quella che indosso ora”, ha detto ancora Pif mostrando la sua t-shirt con su scritto “Padania is not Italy”.

Ospite dell’Arena Robinson di La Repubblica, Pif ha presentato il suo ultimo libro, Che Dio perdona a tutti (Feltrinelli), poi ha trattato il tema del paradosso della sinistra: “Andare oltre significa rompere le regole che ci fanno comodo e ci fanno vivere bene. Per molti di noi l’immigrazione è solo uno che mi vende le calze, fine. Così il problema non esiste più…”.

“I lebbrosi sono i migranti di oggi”, ha detto ancora l’attore palermitano davanti a una platea di giovani. Nel suo libro, Pif affronta il tema della cristianità: “La religione ci prende tutti, ci sono politici che piangono perché non c’è il crocefisso a scuola, che è poi proprio il posto dove non dovrebbe esserci”,

E poi ha scherzato: “Questo è un paese senza memoria, ci siamo dimenticati di chi ha lottato per la Padania”. La frecciatina, è chiaro, è al vicepremier leghista Matteo Salvini: “Salvini rispondimi, Padania libera. Rispondimi”.

“È solo un bimbominkia. Fa il bullo con un ragazzino di 13 anni”, Pif contro Salvini

25 aprile: Pif si scaglia contro Salvini che non festeggia. “Non è diverso da chi minimizza la mafia”

Ti potrebbe interessare
Cultura / Morto Roberto Calasso, padre della casa editrice Adelphi
Cultura / Jasmin. Una storia da raccontare: un libro per ricordare e riflettere
Cultura / Il regresso dell’amore filiale
Ti potrebbe interessare
Cultura / Morto Roberto Calasso, padre della casa editrice Adelphi
Cultura / Jasmin. Una storia da raccontare: un libro per ricordare e riflettere
Cultura / Il regresso dell’amore filiale
Cultura / A Vieste con Il libro possibile (XX edizione) per la seconda tappa del Festival su letteratura, legalità, scienza, attualità e musica
Cultura / La classifica aggiornata delle università italiane: Bologna l’ateneo col punteggio migliore
Cultura / “Il caso Crespi”, il libro sul caso che ha coinvolto il regista Ambrogio Crespi. La prefazione di Alfonso Giordano
Cultura / Cyclonopedia, l’entropico saggio di Reza Negarestani che racconta un mondo sconvolto
Cultura / Premio Strega, il vincitore è Emanuele Trevi con “Due vite”
Cultura / Il rider bullizzato, la ragazza palpeggiata e quella cultura machista che fa ammalare alcuni tifosi (di I. Melio)
Cultura / La letteratura attraverso gli occhi di un grande scrittore, con Alessandro Baricco