Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cultura

Tra i vicoli di Genova l’omaggio a Peppino Impastato

Immagine di copertina
Peppino Impastato. Credit: Twitter

Peppino Impastato Genova murale – “Se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un’arma contro la rassegnazione, la paura e l’omertà”. La frase di Peppino Impastato campeggia su un muro di Genova, accanto a un murale che ritrae il giornalista di Cinisi, ammazzato da Cosa Nostra nella notte del 9 maggio del 1978.

L’omaggio a Peppino nasce in vico della Rosa. L’autore resta anonimo, ma non serve un nome, quando il soggetto è il messaggio dell’attivista antimafia. Peppino sorride nel murale, affacciato a una finestra, guarda Genova e ricorda l’importanza di non piegarsi alla rassegnazione, alla paura, all’omertà.

L’arma che Peppino invita a usare è quello della bellezza. Ed è quello che l’attivista ha fatto per tutta la sua vita, ribellandosi, impegnandosi fino alla morte per la libertà della sua terra.

La vicenda tragica della morte di Peppino Impastato è stata oscurata dal ritrovamento del corpo di Aldo Moro, ma la sua vita è stata riscoperta e raccontata ed è diventata presto uno degli esempi della lotta alla mafia, dentro e fuori dalla Sicilia.

Figlio di padre mafioso, presto Peppino comprende di non appartenere a quel modo. Si ribella, viene ripudiato dal padre, ma non si ferma. Insieme ad amici e compagni, Peppino nel 1977 fonda Radio Aut, radio libera autofinanziata, con cui il giornalista e attivista denuncia i crimini e gli affari dei mafiosi di Cinisi, il suo paese, del capomafia Gaetano Badalamenti.

Sarà proprio Badalamenti a vedere in Peppino Impastato un elemento scomodo. Tanto scomodo da sentenziarne presto la morte. Nel 1978 Impastato si candida alle elezioni provinciali nella lista Democrazia Proletaria. Voleva cambiarlo, quel posto, e aveva deciso di non lasciare la sua Sicilia, come in tanti facevano, ma di restare e lottare.

Peppino Impastato non venne mai eletto, perché nella notte del 9 maggio del ’78 l’attivista viene ucciso. La sua morte viene fatta passare per suicidio, ma la lotta della madre Felicia, del fratello Giovanni e dei suoi amici hanno portato presto alla luce la verità. La morte di Peppino Impastato è stata commissionata da Gaetano Badalamenti.

L’11 aprile 2002 il boss Badalamenti è stato condannato all’ergastolo dopo essere stato riconosciuto come mandante del delitto. Il 30 aprile 2004, a 80 anni, è morto nel centro medico di un penitenziario in Massachusetts.

Peppino Impastato, 41 anni dal suo omicidio
Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: La vacanza perfetta
Cultura / Esclusivo TPI – Alessandro Giuli verso la presidenza del Maxxi al posto di Giovanna Melandri
Cultura / “Roma Arte in Nuvola” torna all’Eur con le opere di 150 gallerie
Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: La vacanza perfetta
Cultura / Esclusivo TPI – Alessandro Giuli verso la presidenza del Maxxi al posto di Giovanna Melandri
Cultura / “Roma Arte in Nuvola” torna all’Eur con le opere di 150 gallerie
Cultura / Buonanotte Bellocchio: il revisionismo d'autore su Aldo Moro (di L. Telese)
Cultura / Immaginare l’Europa attraverso l’arte, l’architettura, l’enogastronomia: “The European Pavilion” a Roma
Cultura / The European Pavilion a Roma dal 16 al 19 novembre 2022
Cultura / Ecco perché imbrattiamo i dipinti: storia delle attiviste che hanno sporcato “il Seminatore” di Van Gogh
Cultura / Sangiuliano: “Musei gratis? L’Italia è già troppo generosa”
Cultura / Un libro di corsa: La setta
Cultura / L’arte come esperienza trasformativa: prende il via a Torino la nuova edizione di “Artissima”