Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 16:20
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Ninni Bruschetta ricorda Franco Battiato: “Aveva la magia dentro e mi chiamava ‘amico mio'” | VIDEO

Ninni Bruschetta ricorda Franco Battiato: “Aveva la magia dentro e mi chiamava ‘amico mio'” | VIDEO

Nell’intervista condotta a margine delle prove dello spettacolo teatrale “Pandemia”, in scena al Ridotto del Teatro Comunale de L’Aquila giovedì 20 e  mercoledì 21 maggio, Ninni Bruschetta condivide con TPI il suo ricordo di Franco Battiato, scomparso lo scorso 18 maggio nella sua villa di Milo, in Sicilia. Il cantautore, suo conterraneo, aveva curato la prefazione del primo libro di Bruschetta, Il mestiere dell’attore, pubblicato nel 2010 da Bompiani, e lo aveva diretto nel suo primo film da regista, Perdutoamor, del 2013. Proprio a quella pellicola è legato uno dei ricordi più belli che l’attore conserva di Battiato. “Ho incontrato la semplicità di un uomo purissimo. Mi chiamava ‘amico mio’, e questo mi piaceva molto”, dice Bruschetta. “Aveva una magia dentro, aveva anche una spiritualità non indifferente”.

“Nel corso del film c’era una scena notturna che aveva deciso si dovesse fare quel giorno lì. Io ero in difficoltà perché stavo lavorando ad Ancona e dovevo andare a Catania solo per un giorno. Ho chiesto alla produzione di spostarlo, la produzione rifiutò. Quando ho visto le previsioni del tempo e che l’aeroporto era chiuso, ho insistito per non girare la scena. Ma per Franco si doveva fare quel giorno. Ho fatto un viaggio drammatico con pioggia, tempesta, sulla Messina Catania non si vedeva nulla per quanto pioveva. Sono arrivato in albergo alle otto, il tempo di entrare, salire ed entrare incamera e il cielo si è aperto completamente, è venuta fuori una luna che sembrava un faro, abbiamo girato una scena sul mare perfetta, sulla barca. Ho detto a Franco: ‘Hai visto che luna che è uscita’”. Lui mi ha guardato e ha detto: io lo sapevo”, conclude.

*Riprese a cura di Andrea Bancone

Qui l’intervista integrale.

Ti potrebbe interessare
Cultura / Diritto a Teatro: il 17 e 18 giugno l’Antigone di Sofocle al Teatro Palladium
Cultura / La sorveglianza ormai è una cultura, e la reazione deve essere culturale
Cultura / Il Libro Possibile compie 20 anni: oltre 200 ospiti per il doppio delle serate e doppia location
Ti potrebbe interessare
Cultura / Diritto a Teatro: il 17 e 18 giugno l’Antigone di Sofocle al Teatro Palladium
Cultura / La sorveglianza ormai è una cultura, e la reazione deve essere culturale
Cultura / Il Libro Possibile compie 20 anni: oltre 200 ospiti per il doppio delle serate e doppia location
Cultura / Un libro di corsa: Il labirinto delle ombre
Cultura / Un libro di corsa: Fuga
Cultura / Un libro di corsa: La pazienza del diavolo
Cultura / Black Art Matters: l’ascesa dell’arte afroamericana
Calcio / Venerdì 28 maggio TPI presenta il libro Calcio e Geopolitica
Cultura / Un libro di corsa: Favolosa economia
Cultura / Un libro di corsa: Come delfini tra i pescecani