Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 00:07
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Allagata la storica libreria Acqua Alta di Venezia: centinaia di libri persi

Immagine di copertina
La libreria Acqua Alta di Venezia. Credit: Instagram/Libreria Acqua Alta

La libreria Acqua Alta di Venezia allagata: persi centinaia di libri

Si chiama “Acqua Alta” perché al fenomeno dell’alta marea è abituato, ma la libreria che sorge nel cuore di Venezia non ha potuto fare niente contro il disastro che ha colpito la città in queste ultime drammatiche ore.

A raccontare quello che è successo a Libreriamo è Diana. “Noi ci chiamiamo Acqua Alta, l’acqua alta ce l’aspettiamo, ma così alta no”. Mentre parla, la donna, insieme ad altre persone, sta cercando di salvare il salvabile, conscia della situazione disastrosa in cui la libreria verte dopo le mareggiate degli ultimi giorni.

“C’è acqua dappertutto. Non eravamo pronti per una mareggiata simile. L’acqua si è alzata di 50 cm in più del previsto. Ieri mi entrava persino negli stivali da pescatore. Camminavo in punta di piedi per tentare di mettere in salvo i libri”.

I danni sono tantissimi,”centinaia” i libri persi. “Quando è così, viene da arrendersi”, continua in preda allo sconforto Diana. Come si legge su Libreriamo, nonostante la situazione terribile, la storica libreria veneziana continuerà a combattere e presto tornerà ad essere uno dei gioielli della città, uno di quelli che impreziosisce Venezia.

Per gli appassionati di libri, infatti, è impossibile recarsi a Venezia e non far visita alla Libreria Acqua Alta. Non si può non restare ammaliati da centinaia di volumi disposti uno sull’altro. Non è una libreria come le altre: niente scaffali qui, ma barchette e vasche in cui sono stipati in modo meticoloso libri di ogni tipo. L’acqua purtroppo si è infiltrata dappertutto mandando in rovina tanti, troppi volumi. La speranza, ora, è che i proprietari non si diano per vinti e continuino a combattere per la Libreria Acqua Alta e per tutti coloro che ancora non l’hanno vista, perché abbiano la possibilità di entrare in quegli spazi stretti e godere del profumo e della vista di quel piccolo grande gioiello.

Venezia, nuova marea in arrivo. Danni per centinaia di milioni di euro, Conte: “Completeremo il Mose”
Ti potrebbe interessare
Cultura / Consigli per il weekend: le mostre da non perdere questa settimana
Cultura / Consigli per il weekend: i libri da leggere questa settimana
Cultura / Un libro di corsa: Il codice dell’illusionista
Ti potrebbe interessare
Cultura / Consigli per il weekend: le mostre da non perdere questa settimana
Cultura / Consigli per il weekend: i libri da leggere questa settimana
Cultura / Un libro di corsa: Il codice dell’illusionista
Cultura / Il progetto ReWriters entra nei licei e dialoga con la società civile per riscrivere le regole della convivenza sociale
Cultura / “Il virus e la crisi climatica hanno unito il mondo”: intervista al filosofo Emanuele Coccia
Cultura / Luoghi comuni e autoreferenzialità ideologica: ne “Il Dio verde” l’ecologismo di facciata finisce sotto accusa
Cultura / Charles Baudelaire: il poeta del mal de vivre
Cultura / Un libro di corsa: Una nuova vita con Llyod
Cultura / Roma Arte in Nuvola
Cultura / Altro che emancipazione: il libro di Emily Ratajkowski non risolve la questione morale della mercificazione di sé