Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:55
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

“Lettera su Dio” di Albert Einstein: ecco perché oggi sarebbe diventata virale

Immagine di copertina
Albert Einstein, premio Nobel per la fisica

È del 1954 ed è un monito contro la violenza delle religioni

È stata riesumata una lettera di Albert Einstein e il tema è il più discusso di sempre: la religione.

Si tratta di una lettera a mano del 1954 dal fisico che verrà messa all’asta nei prossimi giorni. Lo scritto di una pagina e mezzo in tedesco fornisce un assaggio dei pensieri privati ​​di Einstein. Non è la prima volta che il premio Nobel si confronta con la questione dell’ebraismo (la religione della sua famiglia), ma questa volta usa la parola “Dio” una sola volta.

La lettera è emersa nel 2008. Fino ad allora, era apparentemente in mano agli eredi di Gutkind. Ha poi sfondato nell’universo delle aste, con un prezzo di 404mila dollari a Londra.

einstein lettera
Una pagina della lettera di Albert Einstein

Perché oggi sarebbe diventata virale?

Per il tema caldo. Einstein scelse un argomento discusso e dibattuto. Affrontando religione e scienza. “La parola Dio non è per me altro che l’espressione e il prodotto delle debolezze umane, la Bibbia una collezione di leggende venerabili ma ancora piuttosto primitive” si legge nel messaggio. “Nessuna interpretazione, non importa quanto sottile, può (per me) cambiare qualcosa al riguardo”. I commenti incendiari sarebbero caduti a pioggia nel mondo attuale.

Per la sintesi. La lettera è corta. Di soli 239 battute, inclusi gli spazi, i punti e le virgole. Oltre il limite di un tweet. Ma facilmente sintetizzabile.

Per i “tag”. Mandò la lettera scritta a mano a Eric Gutkind, un filosofo tedesco che aveva scritto un libro intitolato “Choose Life: The Biblical Call to Revolt” che, apparentemente, a Einstein non piaceva molto. Una recensione nella rivista Commentary ha detto che “Choose Life” era “genuinamente ispirata alla tradizione ebraica” e “sfida una generazione disincantata a” preparare il mondo per il Regno di Dio. Nel 2018 le chioccioline avrebbero aiutato alla diffusione della lettera.

L’asta ultra milionaria

Ora la lettera è di nuovo sul mercato. Martedì arriverà sul blocco di Christie’s. Christie’s ha fissato una stima preventiva da 1 milione a 1,5 milioni di dollari.

La “lettera di Dio” è stata messa in vendita su eBay per 3 milioni di dollari nel 2012. Il banditore che ha gestito la quotazione eBay ha detto che non poteva discutere l’esito. Una portavoce di Christie ha detto che non ha venduto allora e che la persona che l’ha acquistata nel 2008 è il venditore ora.

Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Nove perfetti sconosciuti
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Nove perfetti sconosciuti
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Cultura / Un libro di corsa: Alan Turing, storia di un enigma
Cultura / Ecco “Lucia Bosè. L’ultimo ciak”, il nuovo romanzo di Laura Avalle
Costume / Imparare a parlare inglese con l’accento della famiglia reale inglese
Cultura / Il museo unico di Roma Antica proposto da Calenda? Sarebbe un errore, ma apre un dibattito
Cronaca / “Io non sono pacifista. Io sono contro la guerra”, le frasi più belle che ci ha lasciato Gino Strada
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Cultura / Morto Antonio Pennacchi: le cause della morte dello scrittore