Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 07:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

La lettera del direttore di Internazionale al nuovo sindaco leghista di Ferrara

Immagine di copertina

Lettera direttore Internazionale sindaco Ferrara – Dal 2007 la rivista Internazionale organizza a Ferrara un festival di giornalistico e culturale costellato di incontri, proiezioni, mostre, workshop e panel.

L’evento ha sempre potuto contare anche sul sostegno del Comune di Ferrara, che negli ultimi 75 anni è stata amministrata sempre da un sindaco di centrosinistra. Le elezioni amministrative del 2019 però hanno visto la vittoria della destra: il nuovo sindaco uscito dalle urne è Alan Fabbri, della Lega.

Da qui la preoccupazione del direttore di Internazionale, Giovanni De Mauro, sulla futura indipendenza del festival e sulla possibilità di continuare a organizzare la rassegna nella città emiliana nel rispetto della linea editoriale della rivista.

De Mauro ha perciò scritto una lettera aperta rivolta al sindaco di Ferrara.

Lettera direttore Internazionale sindaco Ferrara – Di seguito un estratto della lettera.

“Caro Alan Fabbri,

le scrivo per parlarle del festival di Internazionale che si svolge ogni anno a Ferrara, città di cui lei è stato appena eletto sindaco. Come lei sa, il festival è nato nel 2007 su impulso dell’allora sindaco, Gaetano Sateriale, impulso che poi è continuato con Tiziano Tagliani. Siamo grati alla città per averci accolto e speriamo di aver ricambiato l’ospitalità anche con un contributo in termini di arricchimento, non solo culturale.

Fin dall’inizio abbiamo potuto lavorare nella più totale indipendenza, organizzativa ed editoriale (…): i sindaci e gli assessori venivano a conoscenza del programma del festival solo leggendolo quando era già stampato. (…)

Non abbiamo motivo di pensare che lei non voglia confermarci la stessa indipendenza che ci hanno garantito per dodici anni i suoi predecessori. Ma è inutile nascondersi che il risultato di domenica è stato storico, come lei stesso ha ricordato, in una città che negli ultimi 74 anni è stata governata dal centrosinistra. Così come è inutile nascondersi che sono tante le questioni che ci dividono e su cui abbiamo posizioni opposte. (…)

Oggi più che mai pensiamo che sia importante ritrovarsi a Ferrara – una città che negli anni abbiamo imparato ad amare e ad apprezzare – per ascoltare le voci del festival di Internazionale. Il nostro augurio è che sia possibile farlo ancora a lungo”.

Qui il testo completo della lettera

Ti potrebbe interessare
Cultura / Jasmin. Una storia da raccontare: un libro per ricordare e riflettere
Cultura / Il regresso dell’amore filiale
Cultura / A Vieste con Il libro possibile (XX edizione) per la seconda tappa del Festival su letteratura, legalità, scienza, attualità e musica
Ti potrebbe interessare
Cultura / Jasmin. Una storia da raccontare: un libro per ricordare e riflettere
Cultura / Il regresso dell’amore filiale
Cultura / A Vieste con Il libro possibile (XX edizione) per la seconda tappa del Festival su letteratura, legalità, scienza, attualità e musica
Cultura / La classifica aggiornata delle università italiane: Bologna l’ateneo col punteggio migliore
Cultura / “Il caso Crespi”, il libro sul caso che ha coinvolto il regista Ambrogio Crespi. La prefazione di Alfonso Giordano
Cultura / Cyclonopedia, l’entropico saggio di Reza Negarestani che racconta un mondo sconvolto
Cultura / Premio Strega, il vincitore è Emanuele Trevi con “Due vite”
Cultura / Il rider bullizzato, la ragazza palpeggiata e quella cultura machista che fa ammalare alcuni tifosi (di I. Melio)
Cultura / La letteratura attraverso gli occhi di un grande scrittore, con Alessandro Baricco
Cultura / Ora basta, siamo stufi del qualunquismo della Ferragni che semplifica il dibattito sul ddl Zan