Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

La morte è uguale per tutti: il nuovo romanzo di Matteo Bortolotti

Immagine di copertina

La morte è uguale per tutti: il nuovo romanzo di Matteo Bortolotti

Nuovo lavoro per Matteo Bortolotti, autore che spesso ha sorpreso i suoi lettori. È uscito “La morte è uguale per tutti”, romanzo che inaugura un nuovo filone letterario: il trash-noir.

Lucio Scelba è uno spazzino che non sopporta il termine “operatore ecologico”, le auto che sfrecciano rischiando di investirlo, la tanta, troppa feccia che riempie la notte della sua città. Una sera, in un cassonetto, trova un uomo in stato di shock e reagisce come solo lui potrebbe fare: lo carica sul camioncino insieme al resto della spazzatura… e se lo porta a casa.

Rosario Scimecca, l’uomo nel bidone, è un tossico professionista, inseguito da malavitosi che, dopo averlo incastrato, vogliono farlo fuori. Scelba decide di aiutarlo, ma questo a Rosario non interessa, perché ha abbandonato ogni speranza di salvarsi. Vuole solo bucarsi ancora una volta, un ultimo grande trip. E così scappa. Lo spazzino, con l’aiuto dell’enorme red skin Marescalchi, dovrà ritrovare l’eroinomane prima che ci riesca il killer che gli sta addosso. Ci sono milioni di euro sul piatto, anche se Scelba non lo sa. E probabilmente, se lo sapesse, non gli importerebbe, così come non gli importa che la polizia si unisca alla ricerca nelle vesti di Grimaldi, storico ex della sua fidanzata Eleonora. D’altronde, Eleonora ha scelto lui e Scelba non ha bisogno d’altro. A parte, naturalmente, fare il suo mestiere: tenere pulita la città.

Storia che contiene tutti gli ingredienti del noir – killer, milioni di euro, polizia, una corsa all’ultimo respiro… – tutta declinata al grottesco, per una lettura che cattura nel suo ritmo strampalato e diverte dal principio alla fine.

Chi è Matteo Bortolotti

Matteo Bortolotti è uno scrittore. Ha pubblicato con i principali editori italiani esordendo nel
giallo con Questo è il mio sangue (Mondadori, 2005). È stato uno degli sceneggiatori della serie
televisiva della Rai L’ispettore Coliandro e ha lavorato per cinema, tv, editoria. Docente di
sceneggiatura alla Scuola Internazionale di Comics di Reggio Emilia, insegna design della
comunicazione presso aziende e organizzazioni. Ha ideato il primo museo civico italiano di digital
storytelling, il Museo delle Storie a Pieve di Cento, dove vive.

Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Nove perfetti sconosciuti
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Nove perfetti sconosciuti
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Cultura / Un libro di corsa: Alan Turing, storia di un enigma
Cultura / Ecco “Lucia Bosè. L’ultimo ciak”, il nuovo romanzo di Laura Avalle
Costume / Imparare a parlare inglese con l’accento della famiglia reale inglese
Cultura / Il museo unico di Roma Antica proposto da Calenda? Sarebbe un errore, ma apre un dibattito
Cronaca / “Io non sono pacifista. Io sono contro la guerra”, le frasi più belle che ci ha lasciato Gino Strada
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Cultura / Morto Antonio Pennacchi: le cause della morte dello scrittore