Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 16:15
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

“Troppa pelle nuda”: Instagram censura il video della mostra dell’artista russa Natalia Goncharova

Immagine di copertina

Dal 28 settembre Palazzo Strozzi, a Firenze, dedica una retrospettiva alla leader del movimento futurista russo

Instagram censura il video della mostra di Natalia Goncharova, leader delle avanguardie russe del Novecento

La prima volta che la censura si è abbattuta su Natalia Goncharova, artista russa delle avanguardie dello scorso secolo, è il 1910. I suoi quadri di corpi nudi erano stati censurati sia prima sia dopo la Rivoluzione, la pittrice era stata processata per pornografia e nel 1921 le sue opere religiose, che traevano ispirazione dalle stampe popolari, erano state rimosse con l’accusa di blasfemia. A più di cento anni di distanza, la censura torna a colpire Goncharova e lo fa su Instagram, dove è stata impedita la pubblicazione di un video promozionale della mostra che Palazzo Strozzi a Firenze dedica a questa straordinaria figura femminile dell’arte del Novecento.

La motivazione sono le “immagini raffiguranti nudità e porzioni di pelle eccessive”, fa sapere la Fondazione Palazzo Strozzi che specifica come il riferimento sia all’opera Modella (su sfondo blu) esposta nella rassegna.

“Come successo l’anno scorso con Marina Abramovic anche Natalia Goncharova, artista delle avanguardie di primo ‘900 viene censurata dai social media. Si può dire che, dopo oltre un secolo, l’opera di Natalia riesce ancora a scandalizzare come aveva fatto ai suoi tempi”, commenta Arturo Galansino, direttore generale della Fondazione.

“Sui social media vediamo costantemente immagini o video di nudo ma in questo caso viene bloccata l’immagine di un dipinto che appartiene alla storia dell’arte moderna. Si innesca così inevitabilmente una domanda: può un algoritmo determinare un principio di censura all’interno di uno dei principali mezzi di comunicazione e informazione del mondo?”, prosegue Galansino.

La mostra è una retrospettiva che ripercorre la vita controcorrente dell’artista, e la sua produzione, mettendola a confronto con opere di suoi punti di riferimento come Paul Gauguin, Henri Matisse, Pablo Picasso, Umberto Boccioni.

La censura di Instagram ha suscitato la critica di uno degli sponsor della manifestazione, l’imprenditore Mario Luca Giusti. “Come sponsor della mostra ‘Natalia Goncharova, Una donna e le avanguardie tra Gauguin, Matisse e Picasso’ trovo profondamente doloroso che Instagram possa bloccare il video per il lancio della mostra perché l’immagine del dipinto Modella (su sfondo blu) appartenente alla storia dell’arte moderna presenta ‘nudità e porzioni di pelle eccessive'”, ha dichiarato Giusti in una nota.

Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Nove perfetti sconosciuti
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Nove perfetti sconosciuti
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Cultura / Un libro di corsa: Alan Turing, storia di un enigma
Cultura / Ecco “Lucia Bosè. L’ultimo ciak”, il nuovo romanzo di Laura Avalle
Costume / Imparare a parlare inglese con l’accento della famiglia reale inglese
Cultura / Il museo unico di Roma Antica proposto da Calenda? Sarebbe un errore, ma apre un dibattito
Cronaca / “Io non sono pacifista. Io sono contro la guerra”, le frasi più belle che ci ha lasciato Gino Strada
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Cultura / Morto Antonio Pennacchi: le cause della morte dello scrittore