Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:31
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cultura

Futuro impiego nella società dell’informazione

Immagine di copertina

Ai giorni d’oggi le informazioni corrono con una velocità elevata, complice la rete con i diversi social media che ci presentano le notizie in tempo reale, vera e propria rivoluzione rispetto ai metodi canonici a cui molti sono abituati. Si può pensare ad una sorta di informazione del futuro (ben presente già oggi) basti pensare a quante volte leggiamo notizie, vediamo servizi ed ascoltiamo i diversi notiziari sulle app dei nostri  apparecchi come il telefono cellulare ed il tablet. In questo contesto si colloca anche la passione di molti, professionisti e curiosi, di dare vita a un magazine, un giornale, un nuovo media che sfrutti i nuovi mezzi di comunicazione e si ponga all’attenzione di tutti magari dopo un periodo di formazione su questi argomenti.

La nuova frontiera dell’informazione online.

E’ la nostra stessa società globalizzata ad imporre ormai in un certo senso una nuova fruizione dei media: per andare più nello specifico si potrebbe parlare di informazione online e cioè tutte quelle diverse modalità con cui apprendiamo le notizie e magari ricondividiamo. Gli esempi sono diversi ormai ma se vogliamo prenderne uno si potrebbe parlare dei giornali in rete. Ormai i più grandi quotidiani hanno un personale formato internet consultabile gratis oppure a pagamento a seconda della singola testata e forniscono notizie in tempo reale. E se le notizie sono davvero interessanti possiamo scaricarle e stamparle: vista la grande qualità dei siti serviranno stampanti affidabili, magari come le .

Si può aprire un giornale in rete?

Se noi usciamo da casa al mattino per andare a lavoro possiamo già essere a conoscenza delle notizie più importanti senza dover necessariamente ricorrere al quotidiano cartaceo aspettare il notiziario in radio o televisione. In molti hanno poi la grande passione per i giornali, le notizie, il giornalismo e cercano informazioni su come aprire questa attività: i passi da fare sono diversi  e molto importanti e vanno dalla registrazione della testata all’attestazione di essere giornalisti, dai diversi dati del Direttore Responsabile fino all’Inter Service Provider su cui ospitare il giornale on line. E’ chiaro che una testata deve prevedere anche delle figure ben specifiche sia per i ruoli all’interno sia per la registrazione stessa come, oltre al Direttore Responsabile, il proprietario e l’editore.

Ma l’informazione off line non passa mai di moda.

A quella online si contrappone l’informazione offline che ci porta ad aprire l’argomento del marketing. Può sembrare davvero fuori contesto visti i tempi eppure nonostante la tecnologia abbia fatto passi da gigante, molte aziende scelgono di svolgere il marketing dei loro prodotti nella maniera tradizionale, affidandosi agli spot pubblicitari in radio e televisione, agli annunci sui giornali, alla partecipazione agli eventi ed alla distribuzione di volantini e manifesti. Ma esiste un reale vantaggio nel marketing off line? Senza dubbio l’obiettivo è creare una forte consapevolezza dei prodotti o dei servizi offerti dall’azienda, evidenziandone le qualità: già questa è una notevole differenza  con il web che al contrario tende a sottolineare il marchio rispetto al prodotto. Quale sarà allora il futuro? Vecchi e nuovi metodi in una continuità d’informazione.

Ti potrebbe interessare
Cultura / Banca Ifis sponsor del Padiglione Italia alla Biennale di Venezia 2024
Cultura / La mostra “Teste Elleniche: George Petrides” arriva ad Aprile a Venezia
Cultura / Michele Serra sull’intervista “censurata” a Ghali da Repubblica: “Ogni volta che uno dice ‘Gaza’ bisogna sgridarlo perché non ha detto ‘sette ottobre’?”
Ti potrebbe interessare
Cultura / Banca Ifis sponsor del Padiglione Italia alla Biennale di Venezia 2024
Cultura / La mostra “Teste Elleniche: George Petrides” arriva ad Aprile a Venezia
Cultura / Michele Serra sull’intervista “censurata” a Ghali da Repubblica: “Ogni volta che uno dice ‘Gaza’ bisogna sgridarlo perché non ha detto ‘sette ottobre’?”
Cultura / Falce e carrello: torna in libreria la nuova edizione del libro scritto da Bernardo Capriotti
Cultura / Disinformatia: guida alla più grande minaccia alla libertà a livello mondiale
Cultura / Garrone porta “Io capitano” in Senegal, nei villaggi dove il cinema non c’è
Cultura / Al via Bologna Arte Fiera 2024
Cultura / Trovate mille monete di epoca romana, il Consiglio di Stato dà torto al Ministero: “Metà a chi le ha scoperte”
Cultura / Achab, in arrivo il nuovo numero della rivista letteraria dedicato al carcere
Cultura / Passeggiando lungo pingjiang e ammirando la conservazione e il rinnovamento dell’antica città di Suzhou