Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:34
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cultura

Elena Ferrante sta tornando: ecco l’incipit del nuovo romanzo

Immagine di copertina

La misteriosa scrittrice a novembre di nuovo in libreria

L’incipit del nuovo libro di Elena Ferrante

I fan di Elena Ferrante non potranno che gioire di fronte all’annuncio dell’uscita di un altro libro della misteriosa scrittrice e in poche ore si è diffuso sul web l’incipit. La casa editrice di Elena Ferrante, Edizioni e/o, su Twitter ha annunciato che il libro uscirà il prossimo 7 novembre. Dunque, mentre fanno il conto alla rovescia, i fan pregustano il libro grazie alle prime righe inedite del prossimo libro.

Del titolo del romanzo che troveremo sugli scaffali a inizio novembre ancora nessuna traccia, ma bastano le prime parole del nuovo lavoro di Elena Ferrante a far ben sperare gli appassionati sul contenuto dello scritto.

Del libro sappiamo che sarà ambientato ancora nella Napoli che abbiamo imparato a conoscere e amare nei primi quattro libri di Elena Ferrante. Ancora una volta i protagonisti si muoveranno sullo sfondo del Vesuvio e tra i vicoli stretti della città.

Ecco l’incipit dell’ultimo romanzo di Elena Ferrante:

“Due anni prima di andarsene di casa mio padre disse a mia madre che ero molto brutta. La frase fu pronunciata sottovoce, nell’appartamento che, appena sposati, i miei genitori avevano acquistato al Rione Alto, in cima a San Giacomo dei Capri. Tutto – gli spazi di Napoli, la luce blu di un febbraio gelido, quelle parole – è rimasto fermo. Io invece sono scivolata via e continuo a scivolare anche adesso, dentro queste righe che vogliono darmi una storia mentre in effetti non sono niente, niente di mio, niente che sia davvero cominciato o sia davvero arrivato a compimento: solo un garbuglio che nessuno, nemmeno chi in questo momento sta scrivendo, sa se contiene il filo giusto di un racconto o è soltanto un dolore arruffato, senza redenzione…”.

“Una vera amica è rara come il vero amore”, secondo la scrittrice Elena Ferrante
Ti potrebbe interessare
Cultura / Sergio Castellitto a TPI: “Il cinema è anestetizzato, la politica non c’è più. Non arrendiamoci al conformismo”
Cultura / Le mostre più belle da vedere a Roma in questi giorni di giugno 2022
Cultura / Una repubblica mondiale, tra fiaba e utopia
Ti potrebbe interessare
Cultura / Sergio Castellitto a TPI: “Il cinema è anestetizzato, la politica non c’è più. Non arrendiamoci al conformismo”
Cultura / Le mostre più belle da vedere a Roma in questi giorni di giugno 2022
Cultura / Una repubblica mondiale, tra fiaba e utopia
Cultura / Scuola e Università Online: una borsa di studio per i talenti della Didattica a Distanza
Cronaca / Maturità, Dacia Maraini a TPI: “Importante il ritorno del tema scritto. È il pensiero che diventa forma”
Cultura / Un libro di corsa: Il dubbio del killer
Cultura / “La stanza di Adel”, il nuovo romanzo di Ruggero Pegna sul tema dell’adozione
Cultura / La Biennale Arte 2022: i vincitori
Cultura / “L’apprendista stregone. Consigli, trucchi e sortilegi per aspiranti studiosi”: la recensione del libro di Daniele Archibugi
Cultura / Un libro di corsa: Mamma per cena