Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:48
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Coronavirus, editoria allo stremo: 40 milioni di libri stampati in meno nel 2020

Immagine di copertina
Credits: Pixabay

Coronavirus, editoria allo stremo: 40milioni di libri stampati in meno nel 2020

L’emergenza Coronavirus intacca anche il mondo dell’editoria: secondo le prime stime dell’Osservatorio dell’Associazione Italiana Editori, sono 39,3 milioni le copie che non verranno stampate e 2500 i titoli che non saranno tradotti: in totale, saranno 40milioni i libri in meno nel 2020. Il presidente di AIE, Ricardo Franco Levi, ha spiegato che questa è una grave ricaduta “che  rende il settore del libro una delle prime vittime economiche dell’emergenza Coronavirus, al pari del mondo dello spettacolo, del cinema e dell’audiovisivo. Siamo allo stremo. Per questo chiediamo al governo di intervenire per sostenere l’intera filiera con strumenti di emergenza analoghi a quelli previsti per questi settori, perché non possiamo permetterci un Paese senza teatri e senza sale cinematografiche, ma neppure senza librerie, editori, promotori, distributori di libri, traduttori”.

Emergenza coronavirus, gli effetti sull’editoria: parla il presidente dell’AIE

Levi prosegue con la sua analisi, come riportato da Il Libraio: “La chiusura delle librerie fisiche ha privato gli editori del canale principale di vendita; le difficoltà di approvvigionamento delle librerie online stanno ulteriormente aggravando questa situazione. Non possiamo permettercelo: se si andasse verso la crisi più nera per il libro, il danno culturale all’intero Paese sarebbe gravissimo. Di qui la necessità di misure immediate d’emergenza e di interventi più specifici, come il credito d’imposta sulla carta, più sul medio – lungo periodo”.

Dai dati che emergono al 20 marzo, il 61% degli editori ha fatto ricorso alla cassa integrazione oppure lo sta programmando. Inoltre, l’Osservatorio ha rilevato che gli editori hanno già rivisto pesantemente i piani editoriali del 2020, riducendo del 25% le novità in uscita. L’88% degli editori attualmente è fortemente preoccupato per la sorte delle proprie attività.

Emergenza Coronavirus: entra in vigore la nuova legge sul libro

Come se non bastasse, in piena emergenza Coronavirus entra in vigore anche la nuova legge sul libro che ha fatto discutere tantissimo nei precedenti mesi: il limite di sconto consentito scende dal 15% al 5%. La legge, entrata in vigore il 25 marzo, vale non soltanto per i librai indipendenti ma anche per l’ecommerce.

Leggi anche: 

1. “Corti a Casa”: il cinema in salotto durante l’emergenza Coronavirus / 2. Nanni Moretti in una sala vuota sostiene il cinema ai tempi del Coronavirus / 3. Non solo le scuole, anche i cinema e i teatri di tutta Italia sono chiusi per il Coronavirus: le info

Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Nove perfetti sconosciuti
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Nove perfetti sconosciuti
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Cultura / Un libro di corsa: Alan Turing, storia di un enigma
Cultura / Ecco “Lucia Bosè. L’ultimo ciak”, il nuovo romanzo di Laura Avalle
Costume / Imparare a parlare inglese con l’accento della famiglia reale inglese
Cultura / Il museo unico di Roma Antica proposto da Calenda? Sarebbe un errore, ma apre un dibattito
Cronaca / “Io non sono pacifista. Io sono contro la guerra”, le frasi più belle che ci ha lasciato Gino Strada
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Cultura / Morto Antonio Pennacchi: le cause della morte dello scrittore