Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cultura

Il circo in cui gli animali sono ologrammi: è il primo al mondo

 

Circo animali ologrammi | Sfruttamento

Circo animali ologrammi – Si chiama Roncalli Circus ed è un circo tedesco che ha sempre guardato al futuro. Nei suoi spettacoli gli animali ci sono, ma sono degli ologrammi che lasciano il pubblico senza fiato. L’unione di 11 potenti proiettori, con una risoluzione altissima, regala agli spettatori un’esperienza unica.

Negli spettacoli di questo circo tecnologia e tradizione si mescolano con maestria. Accanto alle animazioni di elefanti e cavalli, rimangono quelle immancabili dei tanti artisti che da decenni si esibiscono con la compagnia.

Fondato nel 1976, il Roncalli è stato anche il primo circo ad esibirsi nella Germania dell’Ovest, che al tempo era sotto il controllo dell’Unione Sovietica.

Circo animali ologrammi | I domatori

Dopo gli ologrammi, il prossimo obiettivo del fondatore è far diventare il suo circo e i suoi spettacoli plastic free, ovvero senza plastica.

Il circo tedesco non è destinato a rimanere solo un caso isolato perché in Francia ne è nato un altro sulle stesse orme. Lo ha fondato André-Joseph Bouglione, 44 anni, da sempre nel mondo dei circensi francesi.

L’ex domatore e direttore del circo Joseph Bouglione ha dato vita al suo Ecocirque: un tendone dove non ci sono animali ad esibirsi. Una decisione presa insieme alla moglie Sandrine, anche lei domatrice, per porre fine alle sofferenze degli animali.

Anche i pesci possono tirare un “sospiro di sollievo”: l’Ocean Odyssey del principe arabo Khaled bin Alwaleed, è il primo acquario senza pesci dove lo spettacolo lo fanno video, suoni e 3D..

>Gli animali creati dall’uomo che non dovrebbero esistere in natura
Ti potrebbe interessare
Cultura / Michele Serra sull’intervista “censurata” a Ghali da Repubblica: “Ogni volta che uno dice ‘Gaza’ bisogna sgridarlo perché non ha detto ‘sette ottobre’?”
Cultura / Falce e carrello: torna in libreria la nuova edizione del libro scritto da Bernardo Capriotti
Cultura / Disinformatia: guida alla più grande minaccia alla libertà a livello mondiale
Ti potrebbe interessare
Cultura / Michele Serra sull’intervista “censurata” a Ghali da Repubblica: “Ogni volta che uno dice ‘Gaza’ bisogna sgridarlo perché non ha detto ‘sette ottobre’?”
Cultura / Falce e carrello: torna in libreria la nuova edizione del libro scritto da Bernardo Capriotti
Cultura / Disinformatia: guida alla più grande minaccia alla libertà a livello mondiale
Cultura / Garrone porta “Io capitano” in Senegal, nei villaggi dove il cinema non c’è
Cultura / Al via Bologna Arte Fiera 2024
Cultura / Trovate mille monete di epoca romana, il Consiglio di Stato dà torto al Ministero: “Metà a chi le ha scoperte”
Cultura / Achab, in arrivo il nuovo numero della rivista letteraria dedicato al carcere
Cultura / Passeggiando lungo pingjiang e ammirando la conservazione e il rinnovamento dell’antica città di Suzhou
Cultura / La particolare raffinatezza del ricamo cinese
Cultura / Jingdezhen, la capitale della porcellana: una fornace millenaria con una lunga storia culturale