Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:43
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cultura

Le cartoline vintage che celebrano i 60 anni di “On the road”

Immagine di copertina
Credit: Pixabay

Il capolavoro di Jack Kerouac, che ha segnato la beat generation negli Stati Uniti e nel mondo, fu pubblicato la prima volta il 5 settembre 1957

Il 5 settembre 2017 On the road compie 60 anni. Il romanzo, scritto dal poeta americano Jack Kerouac nel 1951, continua a ispirare viaggiatori e giovani in tutto il mondo.

A lungo è stata considerata l’opera statunitense più rappresentativa sul tema del viaggio in strada. On the road racconta infatti l’esperienza dell’autore tra Stati Uniti e Messico e l’incontro romanzato con scrittori e artisti della generazione del secondo dopoguerra.

Per celebrare l’anniversario, l’agenzia di viaggi online statunitense Orbitz ha creato una serie di cartoline vintage, che descrivono alcuni famosi luoghi citati nell’opera di Kerouac. Queste immagini non celebrano solo il capolavoro letterario, ma riportano in vita l’America degli anni Quaranta e Cinquanta descritta nel famoso romanzo.

Nel 1951 Kerouac scrisse la sua opera più famosa, che racconta una serie di viaggi in automobile e in autostop attraverso gli Stati Uniti di Sal Paradise, pseudonimo dell’autore, insieme all’amico Neal Cassady, che servirà da modello per uno dei personaggi del libro, Dean Moriarty.

Basato su una vera esperienza, lo scrittore decise di non seguire l’esempio dei suoi colleghi dell’epoca e optò per uno stile asciutto e privo di strutture letterarie artificiali.

Nel 1948 lo scrittore e poeta americano Jack Kerouac coniò il termine beat generation, con il quale intendeva definire un movimento underground della gioventù anticonformista di New York.

Questo diventerà in seguito un movimento letterario, del quale Kerouac rappresenterà una delle figure di maggiore spicco. L’obiettivo era quello di liberare la scrittura dalle convenzioni grammaticali arcaiche per riportarla nelle strade, senza lesinare nell’uso di termini all’epoca considerati profani e osceni.

Il romanzo On the road ne consacrerà il successo letterario, ma lo scrittore non si liberò mai dal fantasma personale dell’alcolismo. Kerouac morì nel 1969 per un emorragia interna causata da cirrosi epatica.

Un famoso brano dell’opera recita:

A quel tempo danzavano per le strade come pazzi, e io li seguivo a fatica come ho fatto tutta la vita con le persone che mi interessano, perché le uniche persone che esistono per me sono i pazzi, i pazzi di voglia di vivere, di parole, di salvezza, i pazzi del tutto e subito, quelli che non sbadigliano mai e non dicono mai banalità ma bruciano, bruciano, bruciano come favolosi fuochi d’artificio gialli che esplodono simili a ragni sopra le stelle e nel mezzo si vede scoppiare la luce azzurra e tutti fanno «Oooooh!»

Ecco le cartoline realizzate da Orbitz:

Ti potrebbe interessare
Cultura / Al via la 46esima edizione di Bologna Arte Fiera: il programma e gli espositori della nuova edizione
Cultura / Un libro di corsa: Come uccidere la tua famiglia
Cultura / De Masi a TPI: “L’Italia ha bisogno di un pronto soccorso culturale”
Ti potrebbe interessare
Cultura / Al via la 46esima edizione di Bologna Arte Fiera: il programma e gli espositori della nuova edizione
Cultura / Un libro di corsa: Come uccidere la tua famiglia
Cultura / De Masi a TPI: “L’Italia ha bisogno di un pronto soccorso culturale”
Cultura / “Il nostro futuro siamo noi”: L’a.d. di Fastweb Alberto Calcagno spiega a TPI come preparare i giovani alle nuove professioni
Cultura / La lezione di Edith Bruck: “Facciamo pace con il mondo”
Cultura / Bob Dylan al MAXXI: a Roma la prima retrospettiva in Europa dedicata alle opere di arte visiva del cantautore
Cultura / Grande anima, la presentazione dell’opera del progetto di collaborazione di Cultura Italiae con Aeroporti di Roma
Cultura / La magnifica porta. Un paese chiamato Afghanistan: il libro di Duilio Giammaria
Cultura / Alessandro Bergonzoni a TPI: “Col dolore si deve scherzare”
Cultura / La new wave della destra: viaggio nella cultura di Meloni & Co.