Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Umorismo e arte, a Bologna torna nel 2019 la fiera Fruit Exhibition

Immagine di copertina
Donald Trump (Immagine: Diego Bonci)

L'evento, alla sua settima edizione, è dedicato all'editoria artistica indipendente

Semplicemente “humor”. È questo il tema attorno a cui ruota la settima edizione del Bologna Fruit Exhibition, il market internazionale dell’editoria d’arte indipendente che raccoglie libri d’artista, cataloghi, progetti grafici, riviste, cartotecnica e zine. La rassegna, in scena dall’1 al 3 febbraio 2019 nel capoluogo dell’Emilia-Romagna, è quest’anno all’insegna della capacità di saper sorridere di fronte agli imprevisti assurdi della vita.

Il programma del Bologna Fruit Exhibition 2019

Tre giorni, dunque, di incontri, conferenze ed esibizioni nello storico Palazzo Isolani che si affaccia su piazza Santo Stefano. Ma anche in questa edizione – dove saranno presenti più di cento editori indipendenti italiani e stranieri, specializzati in pubblicazioni cartacee e digitali – ci sono diverse novità.

Tra queste il premio FIP – Fruit Indie Publishing – rivolto ai migliori prototipi di libro artistico, progetti editoriali indipendenti e zines. Un concorso a cui si può accedere gratuitamente e incentrato sul tema dello humor. “In Italia per occuparsi di cultura (e di editoria) è sempre necessario un po’ di buon umore, perché c’è bisogno di leggerezza, di colori shock, di stupore, di ironia, di satira e anche di humor nella sua accezione viscerale di fluido corporale, forza vitale che trascina al di là della forma e degli stili” si legge in una nota della fiera.

Nel programma del Bologna Fruit Exhibition ci sono anche installazioni e mostre. Una di queste è proprio “Cronòtopo: la narrazione della biblioteca attraverso l’arte”, un progetto dell’artista Cosimo Veneziano ideato per l’anniversario della Biblioteca di Salaborsa dove ad emergere sono i legami con la città e la memoria collettiva.

Da non dimenticare, poi, sono i workshop. “Indie Paper”, ad esempio, si concentrerà sul fenomeno della rinascita dei magazine indipendenti e porterà alla progettazione e realizzazione di una zine o un magazine a tema libero e analogico. Imperdibile anche “Art Tattoo Shop”, il workshop con Erik Kessels e Chantal Rens in cui i due artisti danesi inviteranno i partecipanti a creare e giocare con immagini e collage.

Nel 2018, comunque, Fruit Exhibition ha registrato 6mila presenze e anche quest’anno si svolge in contemporanea con Art City e Arte Fiera di Bologna, la fiera dedicata all’arte contemporanea.

(Qui il programma di Fruit Exhibition 2019).

Ti potrebbe interessare
Cultura / “Una sera torno a casa e c’era Agnelli a tavola. Così mi incazzai con mio padre Eugenio”: parlano le figlie di Scalfari
Cultura / “Il potere dei libri: leggete e non ve ne pentirete”. Parla Giuseppe Laterza
Cultura / Alla Festa del Cinema di Roma arriva il documentario su Eugenio Scalfari: la clip in esclusiva
Ti potrebbe interessare
Cultura / “Una sera torno a casa e c’era Agnelli a tavola. Così mi incazzai con mio padre Eugenio”: parlano le figlie di Scalfari
Cultura / “Il potere dei libri: leggete e non ve ne pentirete”. Parla Giuseppe Laterza
Cultura / Alla Festa del Cinema di Roma arriva il documentario su Eugenio Scalfari: la clip in esclusiva
Cultura / Diritto della privacy e protezione dei dati personali. Il GDPR alla prova della data driven economy: il libro di Alongi e Pompei
Cultura / Dacia Maraini a TPI: “La gentilezza ci salverà”
Cultura / I libri da leggere questa settimana
Cultura / Le mostre da non perdere questa settimana
Cultura / “Il potere dei libri per combattere l’odio social”: intervista a Nicola Lagioia
Costume / L’ultimo allievo di De Chirico
Costume / Orietta Berti a TPI: “Mi vogliono tutti perché faccio audience”