Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:42
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

2,6 milioni di morti e 118 milioni di casi: un anno fa l’Oms dichiarava il Covid-19 una pandemia

Immagine di copertina
Credit: Ansa foto

Un anno fa l’Oms dichiarava il Covid-19 una pandemia

“Nei giorni e nelle settimane a venire, prevediamo che il numero di casi, il numero di decessi e il numero di paesi colpiti aumenteranno ancora di più. L’OMS ha valutato questo focolaio 24 ore su 24 e siamo profondamente preoccupati sia dai livelli allarmanti di diffusione e gravità, sia dai livelli allarmanti di inazione. Abbiamo quindi valutato che COVID-19 può essere caratterizzato come una pandemia. Pandemia non è una parola da usare con leggerezza o disattenzione”.

Era l’11 marzo 2020 e l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) dichiarava che il Covid-19 era diventato una pandemia. Oggi, a un anno dall’inizio ufficiale della pandemia ci sono quasi 118 milioni di persone che hanno avuto o hanno il coronavirus Sars-Cov-2, di cui più di 3 milioni in Italia, e complessivamente 2 milioni e 600mila decessi in tutto il mondo.

All’epoca il capo dell’Oms ringraziava l’Iran, l’Italia e la Corea del Sud per le misure prese per contrastare le epidemie. L’Italia è stata infatti il primo paese in Europa fortemente colpito: una sfida che ci colse impreparati e inermi di fronte alle migliaia di contagi e alle morti che misero in ginocchio il sistema sanitario italiano, specie nel Nord Italia. Come non ricordare i primi errori, che costarono tanto a zone come la provincia di Bergamo: la mancata zona rossa ad Alzano Lombardo e Nembro (qui l’inchiesta). E poi il lockdown: l’11 marzo 2020 in Italia era già in vigore il primo dei dpcm dell’ex premier Conte, con cui si decretava che l’intera Italia era “zona protetta”.

Secondo Maria van Kerkhove, l’annuncio dell’Oms rappresentava già la massima allerta sanitaria o “il più elevato livello possibile in base al diritto internazionale” responsabile tecnico dell’Organizzazione per la crisi Covid-19. Anche Michael Ryan, direttore esecutivo del Health Emergencies Programme dell’Oms, ha dichiarato che tale livello di intervento era il “più elevato possibile” in base a un accordo raggiunto tra gli Stati membri dell’ Oms. “È un accordo raggiunto legalmente tra tutti gli Stati membri di questo pianeta, stabilendo il fattore scatenante per un’azione collettiva in risposta al contenimento di un’epidemia”, ha spiegato il funzionario dell’Oms. “Forse dovevamo gridare più forte”, ha aggiunto Ryan.

Leggi anche: 1. Vaccini, l’Aifa vieta un lotto del vaccino Astrazeneca in Italia. Stop anche in altri 6 Paesi europei dopo trombosi sospette / 2. Dpcm, il governo verso la nuova stretta: mezza Italia in zona rossa, lockdown a Pasqua / 3. Covid, 6 Regioni rischiano la zona rossa. Nuova stretta per mezza italia

4. L’Europa ha pochi vaccini, ma ha esportato 34 milioni di dosi / 5. Non mancano solo le dosi, ma anche i vaccinatori. La proposta degli infermieri: “Bisogna andare anche nelle case” / 6. Vaccini, polemica per i politici-avvocati che soffiano il posto agli anziani

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Green Pass, l’Italia non si blocca: proteste in tutto il Paese contro l’obbligo sul luogo di lavoro, ma senza disagi
Cronaca / Covid, oggi 2.732 casi e 42 morti: il bollettino del 15 ottobre 2021
Cronaca / Due gemelli cambiano sesso lo stesso giorno: Giulio e Guido sono Giulia e Gaia
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Green Pass, l’Italia non si blocca: proteste in tutto il Paese contro l’obbligo sul luogo di lavoro, ma senza disagi
Cronaca / Covid, oggi 2.732 casi e 42 morti: il bollettino del 15 ottobre 2021
Cronaca / Due gemelli cambiano sesso lo stesso giorno: Giulio e Guido sono Giulia e Gaia
Cronaca / Addio ad Alitalia, nasce Ita Airways: nuovo logo, aerei azzurri e tricolore sulla coda
Cronaca / Green Pass, i no vax Barillari e Cunial occupano gli uffici della Regione Lazio
Cronaca / Green Pass obbligatorio, ma i tamponi non bastano per tutti i lavoratori
Cronaca / I No Pass non fermano l'Italia: niente blocco a Trieste
Cronaca / Lo storico Emilio Gentile a TPI: “Sciogliere Forza Nuova? Attenzione all’effetto martirio”
Cronaca / Viaggio nella galassia No pass: “Non siamo tutti fascisti”
Cronaca / Lotta eversiva, affari oscuri e droga: chi sono i militanti di Forza Nuova che hanno assaltato la Cgil