Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:17
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Treviso, tenta di rianimare il suocero che ha un infarto. Il genero si accascia e muore anche lui

Immagine di copertina

Doppio lutto a Preganziol, nel trevigiano, dove venerdì mattina sono morte due persone. Interviene per tentare di salvare la vita al suocero, colpito da un infarto, ma resta a sua volta stroncato da un malore. A perdere la vita un pensionato di 93 anni, Marino Tonello, ex agricoltore, e il genero Luciano Michielin, 63 anni, ex postino che da un mese era in pensione. Una tragedia che ha inevitabilmente sconvolto la famiglia e tutti gli abitanti del piccolo comune. A dare immediatamente l’allarme è stata Lucia, la moglie di Marino e la figlia di Luciano, insieme alla madre, che hanno assistito alla drammatica scena e hanno allertato il 118.

Nonostante l’immediato intervento dei sanitari, per i due non c’è stato nulla da fare. L’anziano e il 63enne, infatti, sono morti entrambi per un arresto cardiocircolatorio. Secondo quanto ricostruito, l’ex postino e la moglie si sono recati a casa del novantatreenne, verso le 9 del mattino: Marino aveva perso conoscenza, il suo cuore si era fermato. Luciano però non si è perso d’animo e ha tentato le manovre per rianimarlo. Circa un’ora dopo, quando nel frattempo il personale sanitario era sopraggiunto per constatare il decesso dell’anziano, anche il genero, sentendosi spossato, ha chiesto un caffè che però non è riuscito a consumare. Luciano Michielin si è accasciato a terra, privo di sensi.

A quel punto è stata la moglie, Lucia, a tentare di rianimare il marito. Medico e infermieri del Suem, nuovamente tornati in via Franchetti, non sono riusciti a salvarlo. Marino lascia la moglie Maria e tre figlie: suor Elisa, missionaria in Zambia, Lucia e Angela. Luciano, oltre alla moglie, lascia il fratello Paolo e quattro figli: Davide, Sara, Maria e Giovanni.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 29.875 casi e 95 morti: il bollettino del 24 maggio 2022
Cronaca / L’ex giudice Carnevale: “Falcone non era il più importante pm antimafia, esaltato oltre i suoi meriti”
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, l’Ecdc: "Rischio che diventi endemico in Europa"
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 29.875 casi e 95 morti: il bollettino del 24 maggio 2022
Cronaca / L’ex giudice Carnevale: “Falcone non era il più importante pm antimafia, esaltato oltre i suoi meriti”
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, l’Ecdc: "Rischio che diventi endemico in Europa"
Cronaca / Roma, venditore di rose dà fuoco ai capelli di una ragazza: “Era deluso dalle poche vendite”
Cronaca / La giocatrice di basket difende il suo allenatore: “Non c’è stato nessuno schiaffo, avevo sbagliato un tiro”
Cronaca / Strage di Capaci, perquisizioni della Dia nella redazione di Report e a casa dell’inviato Mondani
Cronaca / Basket, allenatore dà uno schiaffo a una giocatrice 17enne per un canestro sbagliato: “Mi scuso, volevo spronarla”
Cronaca / Roma, maltratta la fidanzata e la costringe a tatuarsi il suo nome sul viso
Cronaca / Ferrero torna in libertà: “Questi sei mesi sono stati tremendi”
Cronaca / Malore in volo durante le riprese di un film: pilota atterra, ma muore poco dopo. Salvo il passeggero