Covid ultime 24h
casi +26.831
deceduti +217
tamponi +201.452
terapie intensive +115

Treno Frecciarossa deraglia sulla Milano-Bologna: morti due macchinisti

Un treno dell'alta velocità Frecciarossa che viaggiava sulla linea Milano-Salerno è deragliato questa mattina alle 5.35 all'altezza di Ospedaletto Lodigliano (Lodi) presso la stazione di Livraga. Il bilancio definitivo è di due morti

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 6 Feb. 2020 alle 07:16 Aggiornato il 6 Feb. 2020 alle 11:44
288

Il treno 9595 dell’alta velocità Frecciarossa che viaggiava sulla linea Milano-Salerno è deragliato questa mattina alle 5.35 all’altezza di Ospedaletto Lodigliano (Lodi) presso la stazione di Livraga. Sul posto sono giunti i mezzi di soccorso dei vigili del fuoco e del 118.

Altri soccorsi sono in arrivo da Milano. I Vigili del Fuoco sono al lavoro per estrarre i passeggeri dalle lamiere.

Il bilancio definitivo è di due morti e circa 27 feriti. I morti sono i due macchinisti, avevano 52 e 59 anni. Secondo quanto ricostruito, i corpi delle due vittime sarebbero stati trovati a circa 500 metri dal convoglio: i due, dunque, sarebbero stati sbalzati dalla motrice al momento del deragliamento.

Chi sono le vittime del deragliamento del treno Frecciarossa 

La persona ferita in modo più grave, un codice giallo, è un operatore delle pulizia di Trenitalia e riporta fratture multiple a un arto. I feriti sono stati tutti evacuati e si trovano nell’ospedale di Pusterlengo.

Tutti i treni, in entrambe le direzioni, sono stati instradati sulla linea convenzionale Milano-Piacenza con ritardi fino a 60 minuti.

La dinamica dell’incidente: una prima ricostruzione

Almeno due vagoni, oltre alla motrice del Frecciarossa, si sono ribaltati in seguito all’incidente. Il treno era il primo del mattino partito da Milano alle 5.10.

Potrebbe essere stato un problema a uno scambio una delle cause che hanno portato al deragliamento del treno. Secondo quanto risulta all’Ansa, infatti, lo “sviamento” del treno sarebbe avvenuto in corrispondenza di uno scambio, dove proprio la scorsa notte, o nella tarda serata di ieri, sarebbe stato sostituito un “deviatoio”, ovvero un pezzo dello stesso scambio.

“Poteva essere una carneficina. Nella prima vettura c’era un passeggero, nella seconda due passeggeri nella terza un passeggero soltanto, questo ha condizionato positivamente il bilancio”, ha detto ai microfoni di SkyTg24 Marcello Cadorna, prefetto di Lodi.

“È stato un incidente gravissimo con l’epilogo funesto della morte dei due macchinisti, nessuno di noi, né le forze dell’ordine sono in grado sono di poter raccordare notizie. Adesso bisognerà valutare la dinamica dell’accaduto. I soccorsi sono arrivati nei tempi giusti tenendo conto che siamo in aperta campagna, il tempo di chiamare e di arrivare, i Vigili del Fuoco hanno fatto un lavoro straordinario. Il capo pattuglia è entrato immediatamente nel treno mettendo in salvo tutti”, ha proseguito il prefetto.

È stata ricostruita la parziale dinamica del deragliamento: secondo le forze dell’ordine la motrice del convoglio, dopo esser sviata dai binare per cause ancora da chiarire, sarebbe uscita completamente dalla sede finendo prima contro un carrello o qualche mezzo analogo che si trovava su un binario parallelo, e poi contro una palazzina delle ferrovie. dove ha terminato la sua corsa. Il resto del convoglio avrebbe invece proseguito la corsa ancora un po’ con la seconda carrozza che a un certo punto si sarebbe ribaltata.

“Si sono staccate le prime due vetture facendo un percorso di svariati metri, il ministro dell’Interno è stato avvisato questa mattina della gravità della situazione”, lo dice il prefetto di Lodi ai microfoni di SkyTg24. “Bisogna dare spazio alla procuratore della Repubblica che sta venendo sul luogo e alla magistratura che – d’intesta con polizia ferroviaria, trenitalia e carabinieri – per condurre le indagini del caso. Non dovrebbero esserci ulteriori vittime”, ha concluso il prefetto.

Le indagini della Polfer sull’incidente

Sul treno c’erano 28 passeggeri in tutto (oltre al personale viaggiante di Trenitalia). A confermare la notizia è la Polfer che sta effettuando le indagini sul sito dell’incidente.

Dalle 5.30 la circolazione è sospesa sulla linea alta velocità Milano-Bologna per lo svio del treno 9595 Milano-Salerno nei pressi della stazione Livraga (Lodi).

Tutti i treni, in entrambe le direzioni, sono stati instradati sulla linea convenzionale Milano-Piacenza con ritardi fino a 60 minuti.

Le prime immagini dell’incidente

Il cordoglio del mondo della politica

“Sono molto dispiaciuto per le due ittime, siamo tutti vicini alle famiglie”, il premier Giuseppe Conte esprime il suo cordoglio e “solidarietà” per l’incidente ferroviario che è costatola vita a due persone. “Stiamo accertando le cause”, ha ribadito il premier.

“Chi prende il #frecciarossa quasi tutti i giorni si domanda come possa essere accaduto. Ma adesso, prima di tutto, solo le condoglianze alle famiglie e il grazie ai soccorritori”, ha scritto il leader di Italia Viva Matteo Renzi.

“Sono senza parole per l’incidente #frecciarossa di questa mattina a #Lodi. Un abbraccio forte ai feriti e le mie condoglianze alle famiglie delle vittime. È una tragedia inspiegabile, su cui sarà necessario fare chiarezza”, ha scritto su Twitter la ministra Teresa Bellanova.

Anche Matteo Salvini ha espresso il suo cordoglio sul suo profilo Twitter. “La mia vicinanza ai famigliari e ai colleghi dei due macchinisti del Frecciarossa morti in servizio e un ringraziamento ai soccorritori. Se qualcuno ha sbagliato dovrà pagare” ha scritto il leader della Lega.

treno frecciarossa deragliato

Le variazione alla mobilità ferroviaria: i treni cancellati

Tutti i treni, in entrambe le direzioni, sono stati instradati sulla linea convenzionale Milano-Piacenza con ritardi fino a 60 minuti.

Traffico sospeso dalle ore 5:30 a seguito dello svio di un treno sulla linea Alta Velocità. Ecco tutti i treni cancellati:

Il cordoglio delle Fs italiane

Il gruppo Fs italiane e tutti i ferrovieri esprimono profondo cordoglio per il decesso dei due colleghi macchinisti del treno alta velocità 9595 Milano-Salerno. Il gruppo FS italiane è vicino ai familiari dei colleghi offrendo il massimo supporto a loro e a tutte le persone coinvolte nell’incidente di stamattina.

288
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.