Me

Milano Marittima: spiagge ripristinate in tempi record dopo la tempesta di mercoledì 10 luglio

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 11 Lug. 2019 alle 18:44 Aggiornato il 11 Lug. 2019 alle 18:51
Immagine di copertina
Credits: Facebook

Mercoledì 10 luglio una violenta tempesta si è abbattuta su Milano Marittima, in Emilia Romagna. Molti stabilimenti balneari sono stati devastati dal maltempo.

Il sindaco di Cervia, Massimo Medri, ha fatto sapere che il maltempo ha causato danni per il valore di 2 milioni di euro e che più di duemila alberi sono crollati.

Eppure la solidarietà di bagnini e turisti ha permesso di ripristinare la maggior parte delle spiagge in poche ore: un’immagine mostra la situazione di una spiaggia di Milano Marittima alle 10 di mattina, quando la tempesta si stava abbattendo sullo stabilimento, e le 19 di sera, quando era tornato il sereno.

La tempestività con cui le strutture sono state ripristinate è sorprendente. Il risultato si deve soprattutto al lavoro volontario dei cittadini e dei bagnini che sono arrivati da tutta la regione per supportare l’allestimento delle spiagge dopo la tempesta.

Cinque di queste stamattina sono state in grado di riaprire e accogliere i turisti.

“Noi cervesi siamo forti e ci stiamo già rialzando”, scrive un utente su Facebook a commento della foto.

Il Presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, ha annunciato l’intenzione di inserire l’evento nella richiesta già effettuata al governo di stato di emergenza nazionale. Oltre alla perdita di più di 2mila alberi, anche l’illuminazione della costa romagnola è saltata, e ci vorrà qualche giorno per ripristinarla in modo completo.

Una donna di 57 anni è stata ricoverata dopo essere stata travolta da un arbusto e sette persone sono state evacuate dalle proprie case a causa del maltempo.

Danni maltempo nelle Marche: un morto. Spiagge devastate, strade allagate e alberi caduti