Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“Mi sto per suicidare”: l’annuncio shock su Facebook, poi si lancia dalla finestra

Immagine di copertina

Ha annunciato il suicidio su Facebook e pochi minuti dopo si è lanciato nel vuoto della finestra del suo ufficio a Roma. Questa è la triste storia di Luigi T., che, dopo aver riversato la sua rabbia verso la ex moglie e una storia d’amore andata in fumo, ha deciso di dichiarare pubblicamente e via social il suo suicidio, con la preghiera per la ex di non andare al suo funerale. Si chiude proprio così l’ultima lettera di Luigi, con un “vaff…” e un pensiero dolce rivolto alle sue bambine.

Un messaggio che è stato postato lunedì 15 luglio alle ore 12.30. Alle 13.17 un collega già riferisce, in un commento al post, di un salto nel vuoto dall’edificio dell’azienda per la quale l’uomo lavorava (la società informatica Aubiy) e poi del trasporto all’ospedale San Camillo di Roma, dove il collega sarebbe spirato poco dopo.

Il post del profilo di Luigi era pubblico fino a martedì pomeriggio, quando poi i famigliari hanno deciso di renderlo privato e non leggibile a tutti.

Nel mezzo, il tentativo di chi lo conosceva di telefonargli per provare a fermarlo, ma già trovava la distanza abissale tra un telefono che squilla e il silenzio di chi non risponde.

Scorrendo i commenti sotto al post, a dire il vero, sono pochi i tentativi di questo tipo, perché in realtà Luigi parlava di un amore andato in frantumi raccontato con parole di lucida rabbia. Indicando il nome dell’uomo che avrebbe distrutto la sua relazione e la sua vita fino a quel momento.

Poche ore dopo, il fratello Marco T., noto street artist ambientalista, saluta per l’ultima volta Luigi: “Mio fratello non c’è più… La cosa che amavo più al mondo. Addio fratello mio”, scrive su Facebook. Contattato da TPI, Marco non ha la forza di commentare il triste evento, ma conferma la morte del fratello.

Ma cosa si può fare quando ci si trova di fronte a messaggi del genere? Non esistono purtroppo protocolli specifici per le segnalazioni a Facebook e alla Polizia postale.

Luigi parlava con le parole di chi sta vivendo un forte stress e di chi non avrebbe tentato il tutto per tutto per aggiustare quello che si era rotto. Un lungo post che andava letto fino all’ultima riga per capirne il tragico epilogo.

LEGGI ANCHE: La madre gli toglie il computer: 19enne tenta il suicido lanciandosi dalla finestra
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 17.744 casi e 34 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / Firenze, furto da film in una gioielleria: i ladri sono entrati dalle fogne
Cronaca / Non vuole giocare a palla con la figlia, la mamma picchia l’amichetta al parco
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 17.744 casi e 34 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / Firenze, furto da film in una gioielleria: i ladri sono entrati dalle fogne
Cronaca / Non vuole giocare a palla con la figlia, la mamma picchia l’amichetta al parco
Cronaca / Trani, scontro in volo tra due ultraleggeri: due morti e tre feriti
Cronaca / Lecco, perde il controllo della moto e investe pedoni: due morti e un ferito
Cronaca / Venezia, uomo si suicida davanti ai turisti vicino a Piazza San Marco
Cronaca / Forlì, marito e moglie trovati morti in casa: si sarebbero suicidati sparandosi in contemporanea
Cronaca / Macerata, maltrattamenti su un’alunna disabile: due arresti
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Cronaca / Covid, 23.976 casi e 91 morti: il bollettino di oggi