Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“Io stuprata dal mio ex, ma la pm lo giustifica. Uno shock che quelle parole vengano da una donna”

Immagine di copertina

Audrey Ubeda, 38 anni, è la donna che ha denunciato l’ex compagno G.P. per violenza sessuale e maltrattamenti alla procura di Benevento. Denuncia che è stata archiviata dalla pm. Parlando con Repubblica, Audrey ha detto che non se lo sarebbe mai aspettato: “Quando il mio legale mi ha spiegato che un magistrato scagionava il mio ex con l’immagine dell’uomo che deve vincere le resistenze della donna per ottenere un rapporto sessuale, mi sono sentita ferita di nuovo”. E ha aggiunto “Mi ha scioccata sapere che quelle parole venivano da una pm donna”.

Assistita dall’avvocato Michele Sarno, nell’intervista di Repubblica Audrey ha detto che non teme per la sua incolumità, non ha motivo per nascondersi o vergognarsi. Nata in Francia, padre spagnolo e madre campana, si è laureata in economia e ha lavorato per un’azienda che si occupava di pannelli pubblicitari. All’inizio con il suo ex compagno – che non è mai riuscito a trovare un lavoro stabile – ha vissuto in Francia, poi il trasferimento in Italia, in provincia di Avellino, come voluto da lui.

Nel corso dell’intervista, la donna ha raccontato che erano diversi gli episodi di violenza. Non riusciva a dire di no alle sue richieste sessuali: “Si faceva aggressivo, decideva lui come e dove e mi costringeva”, ha spiegato, dicendo anche che nelle mani di lui era un oggetto, la sua volontà non contava. Alle violenze sessuali si sarebbero aggiunte, poi, anche le minacce, le allusioni al femminicidio: “Il caso più eclatante due anni fa: lui che prende il coltello, me lo avvicina alla gola e indicando il tg che parlava dei femminicidi mi dice: un giorno parleranno di noi”, era presente anche la madre di lei.

Il 24 maggio scorso, poi, la liberazione. Dopo essere andata dai carabinieri, è arrivata la convocazione ad hoc. Le hanno trovano un posto in un Centro antiviolenza: “Io preparo la valigia in un quarto d’ora e vado in caserma. Da lì, con i militari, andiamo a prendere a scuola i piccoli. E non siamo più tornati”. Audrey che crede ancora nella giustizia e ha detto che “Questa battaglia va combattuta a testa alta, tutti insieme”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Cronaca / Papa Francesco: “I genitori non condannino i figli gay”
Cronaca / Cagliari, 30enne disoccupato cerca di farsi vaccinare al posto di un no vax in cambio di una cena
Cronaca / Sileri al no vax: “Vi renderemo la vita impossibile”. Bufera social sul sottosegretario | VIDEO
Cronaca / Napoli, vuole il gelato ma non ha il green pass: anziano estrae pistola e la punta contro il vigilante
Cronaca / Scuola, le Regioni chiedono al governo di mandare in classe i positivi asintomatici
Cronaca / Covid, oggi 186.740 casi e 468 morti: mai così tanti dal 14 aprile 2021
Cronaca / I Savoia rivogliono i gioielli della corona custoditi dalla Banca d’Italia: “Appartengono a noi”