Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:21
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Sparatoria a Pescara, la fidanzata del cuoco ferito: “Nessun perdono, non sente più le gambe”

Immagine di copertina

Domenica scorsa Yelfry Rosado Guzamn, un 23enne di origini dominicane, è stato ferito da cinque colpi di pistola mentre lavorava come cuoco in un ristorante di Pescara perché l’ordinazione tardava ad arrivare. Ora l’aggressore, Federico Pecorale, 29enne di origini abruzzesi, dopo aver tentato una fuga disperata in taxi verso la Svizzera è accusato di tentato omicidio. Il ragazzo resta in gravi condizioni per le ferite riportate, ha spiegato oggi la fidanzata Alice al Corriere, ma “ora siamo sollevati perché è fuori pericolo di vita. Yelfry però non sente ancora le gambe” e la prognosi è ancora riservata.

“Nessun perdono,” ha detto la fidanzata del giovane dominicano, “spero solo che chi gli ha sparato saldi il conto con la giustizia e non esca subito. La follia? Un’ipotesi che non prendo neanche in considerazione. Aveva una pistola e ha sparato, che altro aggiungere? Yelfry ci ha detto che ricorda tutto, ma non ho avuto il coraggio di chiedergli altro”, Alice ha proseguito spiegando che “fortunatamente, c’erano le telecamere del locale che mostrano realmente com’è andata: Yelfry è stato vittima di un’aggressione. Lui è un bravissimo ragazzo, che pensa solo a lavorare: era stato campione regionale di boxe, ma ha smesso per dedicarsi esclusivamente al lavoro. Stiamo insieme da un anno e lo rivoglio presto accanto a me: mi manca tantissimo e questo, per fortuna, sono riuscita a dirglielo”.

L’incidente è avvenuto nel ristobar Casa Rustì, nel centro di Pescara. L’aggressore, affetto da problemi psichici dovuti a una lontana caduta in moto, dopo aver atteso troppo a lungo l’arrivo degli arrosticini che aveva ordinato, in pochi istanti ha tirato fuori la rivoltella, una calibro 6.85 detenuta illegalmente, e furioso ha aperto il fuoco sul cuoco indifeso.

 

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Posillipo, colpisce un bagnante con il casco e tenta di annegarlo
Cronaca / Covid, oggi 13.668 casi e 102 morti: tasso di positività al 13%
Cronaca / Roma, incendio in una fabbrica di vernici a Monterotondo, pericolo intossicazione: “Tenete finestre chiuse”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Posillipo, colpisce un bagnante con il casco e tenta di annegarlo
Cronaca / Covid, oggi 13.668 casi e 102 morti: tasso di positività al 13%
Cronaca / Roma, incendio in una fabbrica di vernici a Monterotondo, pericolo intossicazione: “Tenete finestre chiuse”
Cronaca / Quarte dosi di vaccino, la campagna non decolla: il governo si è scordato della pandemia?
Cronaca / Partorì la figlia mentre era in coma, dopo 2 anni la abbraccia per la prima volta
Cronaca / Morta dopo il vaccino, per lo Stato la sua vita vale 77mila euro
Cronaca / Pistoia, trova la fidanzata in casa con un altro e la accoltella
Cronaca / Roma, anziana rapinata al bancomat: un operaio segue il ladro e lo fa arrestare
Cronaca / Covid, oggi 27.162 casi e 62 morti: tasso di positività al 13,95%
Cronaca / Milano, barista 18enne pedinata e molestata: il padre raggiunge l’aggressore e lo picchia per strada