Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Napoli, manifestazione contro la camorra: c’è anche il figlio di un boss

Immagine di copertina
Credit: CESARE ABBATE/ Ansa

Il 5 maggio 2019 centinaia di persone sono scese per le strade di Napoli per manifestare contro la camorra dopo che una bambina è rimasta gravemente ferita in uno scontro a fuoco tra clan rivali il 3 maggio.

I cittadini di Napoli si sono dati appuntamento alle 11 in piazza Nazionale per riunirsi sotto lo slogan “DisarmiAMO Napoli”. Tra i manifestanti c’è Antonio Piccirillo, figlio di un boss della città che si è schierato contro le sparatorie tra clan che continuano a verificarsi nel centro storico della città [chi è Antonio Piccirillo].

“Amo mio padre, ma questo amore non può trasformarsi in stima”, è il messaggio di Piccirillo. “Invito tutti i figli di camorra a dissociarsi da questa cultura che non paga, è priva di etica e valori. La camorra è sempre stata ignobile”.

Nel video di seguito le parole del giovane (a partire dal minuto 13’40”).

Insieme al figlio del boss in piazza c’è anche Dario: “Ero un luogotenente di Piccirillo. Sono stato in galera, ho scontato la pena. Chiedo ai ragazzi come me di dissociarsi, di costruirsi una vita diversa”.

Sparatoria Napoli: le condizioni di Noemi, la bambina ferita, restano gravi

La manifestazione – Sono centinaia le persone che hanno manifestato per le strade di Napoli il 5 maggio tre giorni dopo l’agguato di camorra avvenuto in una zona popolare della città.

Nello scontro a fuoco sono rimasti feriti il pregiudicato Salvatore Nurcaro, ricoverato in gravissime condizioni, una bimba di 4 anni (che rischia la vita) e sua nonna di 50 anni.

Si tratta di una manifestazione spontanea, che raccoglie i partecipanti sotto lo slogan “DisarmiAMO Napoli” e che chiede “una risposta eccezionale” a quanto accaduto tre giorni prima in città.

“Non é possibile che dopo tante sparatorie, dopo non solo i morti ma anche i tanti feriti innocenti non ci sia un presidio del territorio degno di un Paese civile”, affermano alcuni manifestanti.

“Sparano alle cinque del pomeriggio tra i giardinetti e i bar, un mese dopo che aveva sparato davanti a un asilo. Che altro deve succedere?”.

La sparatoria – Venerdì 3 maggio si è registrata una sparatoria in piazza Nazionale, a Napoli, a circa 3 chilometri da Piazza del Plebiscito poco dopo le 17.

Nello scontro a fuoco tra esponenti di clan rivali sono rimaste ferite anche una bambina di 4 anni, ricoverata in gravi condizioni, e la nonna.

Secondo quanto si legge nel comunicato pubblicato il giorno seguente dall’ospedale le condizioni della bambina sono molto gravi: “persiste una grave insufficienza respiratoria derivante dal danno polmonare” a causa del proiettile che ha perforato un polmone ed è stato poi rimosso durante un lungo intervento chirurgico.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 143.898 casi e 378 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 13,7%
Cronaca / Milano, perde il dito durante un tentativo di furto e manda l’amico a recuperarlo: ladro identificato dalla polizia
Cronaca / Morte Camilla Canepa, i medici sapevano del vaccino AstraZeneca ma non lo scrissero nella cartella clinica
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 143.898 casi e 378 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 13,7%
Cronaca / Milano, perde il dito durante un tentativo di furto e manda l’amico a recuperarlo: ladro identificato dalla polizia
Cronaca / Morte Camilla Canepa, i medici sapevano del vaccino AstraZeneca ma non lo scrissero nella cartella clinica
Cronaca / Giuliano Ferrara colpito da infarto: il giornalista ricoverato in condizioni gravissime
Cronaca / Prestipino, ladri in casa mentre vota a Montecitorio: “Non avrete vita facile”
Cronaca / Disturbi psichiatrici, raddoppiati i casi tra gli adolescenti, gli esperti avvertono: “Intervenire”
Cronaca / Emanuele Filiberto: “I gioielli di Casa Savoia? Andremo fino alla Corte Europea”
Cronaca / Covid, 155.697 casi e 389 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Bollette luce e gas, come difendersi dai rincari record