Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Sardegna, il sindaco “vieta” le chat delle mamme su WhatsApp

Immagine di copertina

Sardegna, il sindaco “vieta” le chat delle mamme su WhatsApp

Fa sorridere “l’ordinanza”, provocatoria e ironica, del sindaco di Desulo, comune del centro della Sardegna di duemila anime, che ha imposto il divieto assoluto di creare e utilizzare i gruppi WhatsApp in vista dell’avvio del nuovo anno scolastico, previsto sull’isola per il 22 settembre. Una situazione che quest’anno è all’insegna dell’incertezza, con le norme di distanziamento da rispettare a causa del Covid, tra mascherine obbligatorie e banchi monoposto.

Con un post su Facebook il sindaco Gigi Littarru ha quindi ironicamente vietato l’uso di gruppi e chat in cui – soprattutto le mamme – ma ”pure nonne, zie e maestre”, diffondono non solo informazioni ufficiali, ma “pettegolezzi, fake news, allarmismi, preoccupazioni eccessive”. Per i trasgressori è previsto il sequestro dello smartphone. Inutile poi il ricorso al Tar, perché “Il sindaco ha sempre ragione”. Ovviamente, anche se qualcuno inizialmente non l’aveva capito, si trattava di una provocazione e non di una vera ordinanza.

“Non è stata un’idea mia, ma di un mio amico, l’ex sindaco piemontese di Galliate, Davide Ferrari. L’ho vista, mi è sembrata appropriata e divertente e l’ho copiata sulla mia pagina. Da allora chiamate e commenti continui…”, ha confessato il primo cittadino di Desulo. “La chat è uno strumento utilissimo e lo uso con piacere in prima persona per le comunicazioni del Comune. Nel periodo di chiusura da pandemia è stato di certo indispensabile per far arrivare disposizioni e ordinanze a tutte le famiglie. Ma sappiamo che è molto pericoloso: se le notizie non sono verificate, corrette, la propagazione diventa incontrollabile con effetti dannosi”, ha aggiunto Littarru intervistato da Repubblica.

A chi invece lo ha criticato e accusato di sessismo per il riferimento nella sua finta ordinanza ai “genitori di sesso femminile”, il sindaco sardo replica: “Assolutamente non è questione di genere, vale pure per i padri. È un atteggiamento trasversale di lettura, comprensione e utilizzo superficiale tanto che in alcuni gruppi, come quello che unisce i sindaci sardi, ora solo gli amministratori possono inviare messaggi e allegati”.

Leggi anche: Il sindaco Pd di Pozzallo a TPI: “Il governo ha sottovalutato il problema migranti in Sicilia”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Eutanasia, per la prima volta in Italia un tribunale chiede di verificare se ci sono le condizioni
Cronaca / Covid, 1.400 nuovi casi e 52 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Speranza non è ancora vaccinato, Bassetti: “Scandaloso, doveva fare AstraZeneca”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Eutanasia, per la prima volta in Italia un tribunale chiede di verificare se ci sono le condizioni
Cronaca / Covid, 1.400 nuovi casi e 52 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Speranza non è ancora vaccinato, Bassetti: “Scandaloso, doveva fare AstraZeneca”
Cronaca / Funivia Mottarone, il terribile video che mostra lo schianto della cabina
Cronaca / Il Lazio guarda ai giovani: premiate le 100 idee vincitrici del bando “Vitamina G”
Cronaca / A processo con l’accusa di bigamia 40enne si difende: “Non ero a conoscenza del primo matrimonio”
Cronaca / Muore di tumore a 47 anni, sull’epigrafe fa scrivere l’Iban della figlia: “Deve proseguire gli studi”
Cronaca / Grillo, attacco sul blog a G7 e Nato: “Una parata ideologica” per sparare contro Cina e Russia
Cronaca / Saman Abbas, spunta l’sms della madre: “Torna a casa, stiamo morendo, faremo come dici tu”
Cronaca / Luca Barbareschi: “Nessuna eredità ai miei figli, ho pagato loro università da 900mila euro. Ora devono cavarsela”