Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Agenti come maiali nel videoclip di Gianna Nannini, il sindacato di polizia a TPI: “La cantante si scusi”

Immagine di copertina

Poliziotti raffigurati come maiali nel videoclip di Gianna Nannini, il sindacato a TPI: “Si scusi”

“Crediamo che la cantante Gianna Nannini farebbe bene a scusarsi subito con i poliziotti italiani”: così Vincenzo Chianese, Segretario generale di ES Polizia, commenta a TPI il videoclip del brano della cantante senese, L’aria sta finendo, in cui alcuni poliziotti vengono raffigurati come maiali mentre picchiano una persona di colore.

“Un’animazione – dichiara Chianese – che offre, soprattutto ai più giovani, una rappresentazione offensiva dei servitori dello Stato, raffigurati come maiali intenti a picchiare selvaggiamente inermi persone di colore mentre sono a terra”.

“Il filmato elenca tutti i principali mali del mondo d’oggi, ma ad aprire l’elenco è proprio la Polizia: qual è il messaggio che si trasmette ai nostri giovani? Cosa ha spinto un’artista indubbiamente capace, che ha avuto grandi momenti di gloria, ad accomunare chi rischia la vita per difendere tutti con l’inquinamento dell’aria, dei mari, del cibo o con la crudeltà con gli animali?”.

“Forse l’idea del filmato non è della Nannini – spiega il sindacalista – ma dello sceneggiatore del filmato e quest’ultimo pensava ad altre parti del mondo, piuttosto cha all’Italia: ma sta di fatto che il testo del brano non c’entra assolutamente niente con quelle immagini, che è cantato in italiano e che sia purtroppo la nota cantante italiana a metterci la faccia, il che moltiplica all’ennesima potenza un messaggio negativo che – senza la sua faccia è la sua voce – nessuno avrebbe visto e probabilmente non le appartiene affatto”.

“La signora Nannini conosce benissimo i poliziotti ed in particolare i celerini, che da oltre 40 anni mettono a repentaglio la propria incolumità per garantire la sicurezza sua e dei suoi tanti fan – incalza – e non si lamentano certo, perché fa parte del nostro lavoro, che a volte si fa anche per 18 ore consecutive per un trattamento economico che è molto più basso della media europea”.

Secondo Chianese inoltre: “Gli episodi dubbi che sporadicamente, ogni anno, coinvolgono singoli appartenenti Polizia di Stato si contano sulla punta delle dita e non di rado si arriva a dimostrare che le accuse non erano fondate, fermo restando che ogni organizzazione formata da umani può incorrere in errori umani e, quando vengono dimostrati, vengono seguite precise regole”.

“In un momento così delicato per la vita del Paese, mentre ci tocca l’ingrato compito di vigilare affinché la gente – giustamente esasperata dagli effetti economici e sociali della pandemia – rispetti le regole imposte dalle autorità preposte, rischiare di aizzarci contro persone che magari si trovano in situazioni particolarmente spiacevoli ci sembra irresponsabile, oltre che ingiusto”.

“Alla luce di questo, se la Nannini chiarisse che lei non ci vede affatto come porci dediti alla violenza gratuita contro gli indifesi siamo sicuri che tutti i servitori dello Stato apprezzerebbero molto e, con noi, anche la stragrande maggioranza dei cittadini italiani, che hanno di noi una visione corretta e, quindi, completamente diversa” conclude.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Rifiuti, economia circolare, normativa Pfand: l’Italia è ancora al Medioevo. Per fortuna c’è l’Europa
Cronaca / Ius scholae, l’appoggio di Famiglia Cristiana: “Atto di giustizia”
Cronaca / Scontro tra tir sull’A21, colonna di fumo visibile da chilometri
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Rifiuti, economia circolare, normativa Pfand: l’Italia è ancora al Medioevo. Per fortuna c’è l’Europa
Cronaca / Ius scholae, l’appoggio di Famiglia Cristiana: “Atto di giustizia”
Cronaca / Scontro tra tir sull’A21, colonna di fumo visibile da chilometri
Cronaca / Marmolada, Toni Valeruz: “Tragedia evitabile. La montagna è irriconoscibile rispetto a venti anni fa”
Cronaca / Roma, bambino di due anni e mezzo annega a Santa Severa
Cronaca / “Eugenio Scalfari è morto”: la gaffe del Corriere della Sera su Instagram. Post subito rimosso
Cronaca / Torino, 47enne si sposa in fin di vita in ospedale: poche ore dopo un trapianto di cuore lo salva
Cronaca / Strage Marmolada, identificato il sopravvissuto trovato senza documenti
Cronaca / Incidente sul Cervino, trovati i corpi di due alpinisti: caduti per circa 400 metri
Cronaca / La startup di spesa a domicilio Gorillas lascia l’Italia e licenzia i dipendenti