Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Palermo, disabili torturati e picchiati in una casa di cura: 17 arresti | VIDEO

Il dipendente dell’azienda sanitaria chiudeva un occhio sulle irregolarità della struttura, in cambio il figlio e nuora erano stati assunti. La Onlus gestiva la residenza per disabili psichici “Suor Rosina La Grua onlus” di Castelbuono, provincia di Palermo, come un lager. In cinque anni ha ottenuto finanziamenti per 6,2 milioni di euro e i soldi venivano sperperati, in auto, viaggi e gioielli.

I disabili, come testimoniano le immagine riprese dalla Guardia di finanza, venivano trascinati a forza nella stanza chiamata “relax” fra insulti, calci e schiaffi. Li rinchiudevano per ore, senza acqua e cibo. Nel blitz notturno le fiamme gialle hanno arrestato i responsabili delle violenze. Tra le 17 persone fermate, dieci sono state portate in carcere e altre sette sono ai domiciliari. Gli operatori sono accusati di tortura.

Arrestati anche il presidente della Onlus, Gaetano Di Marco, e il funzionario dell’Azienda sanitaria di Palermo Vincenzo Prestigiacomo che avrebbe dovuto vigilare sulla struttura.

Ora i 23 ospiti della casa (17 uomini e 6 donne fra i 29 e i 63 anni) sono stati liberati e saranno trasferiti in altre strutture.

Oltre alle immagini delle violenze la guardia di Finanza ha raccolto anche le voci dei protagonisti grazie alle intercettazioni: “Se entra la Finanza tuo papà passa i guai, tutto questo loro l’hanno capito?” diceva un operatore. “Centoventimila euro di parcelle fra lui e sua moglie, 60 mila euro lui e 70 mila euro l’anno la moglie, senza che lei a Castelbuono mettesse un piede”. Il riferimento è al dipendente dell’Asp. E ancora: “Tu ce l’hai presente un manicomio? Uguale, identico, ci manca solo che li legano ai letti e poi siamo a posto, siamo pronti per la D’Urso”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Cronaca / Papa Francesco: “I genitori non condannino i figli gay”
Cronaca / Cagliari, 30enne disoccupato cerca di farsi vaccinare al posto di un no vax in cambio di una cena
Cronaca / Sileri al no vax: “Vi renderemo la vita impossibile”. Bufera social sul sottosegretario | VIDEO
Cronaca / Napoli, vuole il gelato ma non ha il green pass: anziano estrae pistola e la punta contro il vigilante
Cronaca / Scuola, le Regioni chiedono al governo di mandare in classe i positivi asintomatici
Cronaca / Covid, oggi 186.740 casi e 468 morti: mai così tanti dal 14 aprile 2021
Cronaca / I Savoia rivogliono i gioielli della corona custoditi dalla Banca d’Italia: “Appartengono a noi”