Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 10:20
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Operazione antimafia: 91 arresti. C’è anche ex concorrente Grande Fratello: “Era prestanome dei boss”

Immagine di copertina

Operazione antimafia: 91 arresti. C’è anche ex concorrente Grande Fratello: “Era prestanome dei boss”

Ha portato a 91 arresti e numerosi sequestri per un valore di circa 15 milioni di euro l’operazione antimafia “Mani in pasta” scattata questa mattina tra Palermo e Milano. Al centro delle indagini della procura della Repubblica, coordinate dal procuratore Francesco Lo Voi, dall’aggiunto Salvatore De Luca e dai sostituti Amelia Luise e Dario Scaletta, gli affari di boss e gregari del quartiere Arenella di Palermo (che ricade nel mandamento dell’Acquasanta), a partire dal reggente Gaetano Fontana, figlio del boss deceduto Stefano, ai fratelli Giovanni e Angelo che secondo gli inquirenti hanno investito i proventi delle attività illecite a Milano. Dalle indagini viene fuori uno spaccato fatto di pizzo, scommesse e droga, che producevano soldi da reinvestire in attività commerciali di ogni genere.

L’ingente patrimonio sequestrato – del valore di circa 15 milioni di euro – comprende bar, la gestione delle forniture di caffé, imprese di imballaggi e manutenzioni nautiche, centri scommesse, negozi di frutta verdura e una fabbrica di ghiaccio. Ai domiciliari è finito anche l’ex broker Daniele Santoianni, ex concorrente del Grande fratello e prestanome – secondo chi indaga – di una società di commercializzazione del caffè, crocevia importante, per i pm, nella rotta sud-nord per ripulire il denaro dei capimafia. A dare esecuzione alle ordinanze di custodia cautelare e sequestro preventivo, emesse dal gip di Palermo, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, sono stati i militari del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria della Guardia di Finanza, con il supporto del Comando Provinciale di Palermo e di altri Reparti sul territorio nazionale.

In carcere è finita anche la madre dei fratelli Fontana, Angela Teresi, accusata di mafia perché avrebbe gestito la cassa del mandamento mentre i figli ricoprono ruoli direttivi nella famiglia mafiosa. Per oltre due anni i finanzieri del Nucleo speciale di polizia valutaria, guidato dal colonello Saverio Angiulli, hanno lavorato sui Fontana, ricostruendo – coordinati dai pm palermitani – il giro di affari e le modalità. Il gip Pergiorgio Morosini ha disposto la custodia cautelare in carcere – ma non per mafia – anche Michela Radogna, compagna di Gaetano Fontana, per gli uomini che facevano parte della sua cerchia ristretta e fidata e per quelli che si occupavano del pizzo, della droga e della gestione delle scommesse.

Per gli inquirenti quanto emerso dimostra la capacità delle cosche di infiltrarsi nell’economia legale e del rischio che in una fase di crisi, alimentata anche dall’emergenza dettata dal Covid-19, ciò possa essere ancora più invadente. “I clan sono pronti ad approfittare della situazione attuale, sono sempre pronti a dare la caccia ad aziende in stato di necessità”, sottolinea il gip, Piergiorgio Morosini. “Con la crisi di liquidità di cui soffrono imprenditori e commercianti, i componenti dell’organizzazione mafiosa potrebbero intervenire dando fondo ai loro capitali illecitamente accumulati per praticare l’usura e per poi rilevare beni e aziende con manovre estorsive, in tal modo ulteriormente alterando la libera concorrenza”.

Leggi anche: 1. Esclusivo TPI: i boss scarcerati sono 498. C’è anche un imprenditore dei Casalesi uscito col Cura Italia /2. Così è potuto uscire dal carcere 41 bis il boss Pasquale Zagaria: il documento

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Le sigarette elettroniche aiutano davvero a smettere di fumare?
Cronaca / Il no vax e no green pass Fabio Tuiach positivo al Covid: “Colpa degli idranti usati dalla polizia”
Cronaca / Covid, oggi 2.535 casi e 30 morti: tasso di positività all'1,1%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Le sigarette elettroniche aiutano davvero a smettere di fumare?
Cronaca / Il no vax e no green pass Fabio Tuiach positivo al Covid: “Colpa degli idranti usati dalla polizia”
Cronaca / Covid, oggi 2.535 casi e 30 morti: tasso di positività all'1,1%
Cronaca / Borghese: “Non trovo personale per cucina e sala, i giovani non vogliono più fare gli chef”
Cronaca / Le scuole clandestine dei figli no vax: viaggio in Alto Adige tra i genitori che isolano i figli per ribellarsi al Covid
Cronaca / La raccolta fondi di Cliomakeup e Operation Smile Italia per malformazioni cranio-maxillo-facciali è già sold out
Cronaca / Cannabis terapeutica, Costa: “Presto prodotta anche da privati”
Cronaca / Nasce Kebhouze, la nuova catena di kebab di Gianluca Vacchi
Cronaca / Il 3 dicembre la Convention “Il Mondo Nuovo – La Ripartenza”. La presidente della Fondazione Guido Carli: “Viviamo un nuovo inizio”
Cronaca / No Green pass, manifestante aggredisce una dottoressa sulla metro: colpita da una testata