Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Il governo di Malta: “Facciamo sbarcare noi i migranti della Ocean Viking”

Immagine di copertina

Risolto lo stallo sulla Ocean Viking. La nave delle Ong Sos Mediterranee e Medici Senza Frontiere ha a bordo 356 persone dopo numerosi salvataggi effettuati nel Mediterraneo. Da settimane non trovava un porto in cui sbarcare.

Il governo di Malta ha annunciato lo sbarco sul proprio territorio e una successiva redistribuzione nei seguenti paesi: Francia, Germania, Irlanda, Lussemburgo, Portogallo e Romania.

La nave era finita al centro di uno dei tanti scontri tra Salvini e le Ong. Il ministro dell’Interno uscente, infatti, aveva negato lo sbarco in Italia.

Di concerto con il la Farnesina, era stata emessa una nota che recitava: “Non può in alcun modo essere attribuita alle autorità italiane la responsabilità d’individuazione del porto di sbarco dei naufraghi”.

Si aggiungeva che “l’ingresso nelle acque territoriali italiane sarebbe considerato pregiudizievole al buon ordine della sicurezza dello Stato”. Nella lettera il ministero sottolineava infine come “non sia accettabile ogni condotta delle Ong che considerano l’Italia l’unico porto possibile di sbarco”.

Questo il comunicato con cui Malta ha annunciato di far sbarcare i migranti sul proprio territorio:

“A seguito di discussioni con la Commissione europea e alcuni Stati membri, in particolare Francia e Germania, Malta, ribadendo le sue ragioni giuridiche, ha deciso di contribuire ad una soluzione per uscire dallo stallo nel caso della nave Ocean Viking.

La nave ha a bordo 356 persone, tutte intercettate e soccorse in varie operazioni, nessuna delle quali avvenuta nell’area di competenza maltese o sotto la direzione delle autorità maltesi. Malta trasferirà le suddette persone sulle navi delle Forze Armate di Malta al di fuori delle acque territoriali e le porterà a terra.

Tutti i suddetti migranti saranno trasferiti in altri stati membri: Francia, Germania, Irlanda, Lussemburgo, Portogallo e Romania. Nessuno dei suddetti migranti rimarrà a Malta.

Nei prossimi giorni, altre persone che sono state sbarcate a Malta nell’ambito di precedenti accordi ad hoc, saranno trasferite negli Stati membri in esecuzione dei loro impegni presi Malta si impegna ad essere un membro proattivo dell’Unione europea, partecipando a soluzioni pragmatiche che non esercitIno un’indebita pressione su un singolo Stato membro”.

ocean viking

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, bambino di due anni e mezzo annega a Santa Severa
Cronaca / “Eugenio Scalfari è morto”: la gaffe del Corriere della Sera su Instagram. Post subito rimosso
Cronaca / Torino, 47enne si sposa in fin di vita in ospedale: poche ore dopo un trapianto di cuore lo salva
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, bambino di due anni e mezzo annega a Santa Severa
Cronaca / “Eugenio Scalfari è morto”: la gaffe del Corriere della Sera su Instagram. Post subito rimosso
Cronaca / Torino, 47enne si sposa in fin di vita in ospedale: poche ore dopo un trapianto di cuore lo salva
Cronaca / Strage Marmolada, identificato il sopravvissuto trovato senza documenti
Cronaca / Incidente sul Cervino, trovati i corpi di due alpinisti: caduti per circa 400 metri
Cronaca / La startup di spesa a domicilio Gorillas lascia l’Italia e licenzia i dipendenti
Cronaca / Roma, baby gang picchia due ragazzi disabili e pubblica video sui social
Cronaca / Covid, identificata nuova sottovariante “Omicron BA.2.75”: perché spaventa più delle altre
Cronaca / Salvano uomo nudo in mare che stava annegando, poi la scoperta: era evaso dai domiciliari
Cronaca / Lettera di uno studente 15enne: “Basta con le divisioni politiche, la tutela dell’ambiente ci riguarda tutti”