Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:26
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“Sei goffa, non sai tenere la penna in mano”: medico specialista insulta una bambina dislessica di 10 anni

Immagine di copertina

“Sei goffa”; “non ti sai muovere”; “non riesci ad impugnare una penna per scrivere”; “lascia quel cellulare perché non lo sai usare”, sono queste le parole con cui un medico salentino si sarebbe rivolto a una paziente dislessica di 10 anni nel corso della prima visita, che per la famiglia della piccola doveva invece rappresentare una svolta nel percorso di cura della figlia.  Quelle frasi invece hanno provocato alla bambina attacchi d’ansia, crisi di pianto, notti insonni e una grave forma di tachicardia tale da necessitare l’assunzione di alcuni calmanti, di cui prima la bimba non aveva mai avuto bisogno.

Dopo le parole del medico la piccola ha iniziato anche a mostrare repulsione verso le strutture sanitarie e verso tutto il personale medico, motivo per cui la madre ha deciso di intraprendere le vie legali denunciando lo specialista per diffamazione, “definendo la bambina come goffa, approcciandosi nei confronti della stessa con modi pressoché rudi, le avrebbe cagionato un turbamento morale”, si legge nella denuncia. La visita risale allo scorso 22 giugno.

Senza accertamenti specifici il medico ha dato per scontato che la sua paziente fosse ritardata, che avesse un deficit tale da ritardare la crescita, e che anche a 10 anni si trovava a un livello di seconda media. Avrebbe pertanto consigliato l’utilizzo di quadernoni specifici per dislessici, nonostante solo poco tempo prima in un incontro tutti i professori avessero stabilito che la studentessa doveva continuare ad utilizzare i quaderni usati dagli altri compagni di classe. Da quel giorno però Stefania vive assalita dalle paure, e deve assumere farmaci per tenere a bada la tachicardia. La magistratura stabilirà se si è trattato di diffamazione.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, scavano un tunnel sotterraneo, ma uno di loro resta bloccato
Cronaca / Evade dai domiciliari per andare in vacanza a Gallipoli e posta le foto su Instagram: arrestato
Cronaca / Arriva in India e non paga la tassa di soggiorno. Italiano arrestato, rischia 8 anni di carcere
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, scavano un tunnel sotterraneo, ma uno di loro resta bloccato
Cronaca / Evade dai domiciliari per andare in vacanza a Gallipoli e posta le foto su Instagram: arrestato
Cronaca / Arriva in India e non paga la tassa di soggiorno. Italiano arrestato, rischia 8 anni di carcere
Cronaca / Turiste francesi stuprate a Bari, il pm: “Scene da Arancia Meccanica”
Cronaca / Il geologo Tozzi invita Jovanotti a prendere una birra per discutere del Jova Beach Party
Cronaca / Svizzera, il ministro a Sgarbi: “Le regole sono uguali per tutti. Qui i deputati non hanno auto blu”
Cronaca / “Piscine contaminate da batteri fecali”: blitz dei Nas nei parchi acquatici
Cronaca / La lettera del papà di Giulia e Alessia, investite dal treno: “Giudizi negativi su di me. Non porto rancore”
Cronaca / Jovanotti risponde al professor Tozzi: “Li ho chiamati eco–nazisti perché lo sono”
Cronaca / Roma, pedina la moglie tramite Gps e aggredisce l’amante con nove coltellate al torace: la vittima è in coma