“Donne, imparate il doggy style”: a Milano catena di fast food regala maglietta sessista per l’8 marzo

Il post pubblicato da "Burgez" è stato rimosso poche ore dopo

Di Beatrice Tomasini
Pubblicato il 9 Mar. 2019 alle 19:26
0
Immagine di copertina
La t-shirt è stata pubblicata sul social della catena di fast food

Nel giorno della Festa delle Donne una catena di fast food con alcuni punti vendita a Milano, Burgez, ha deciso di lanciare un’iniziativa di marketing dai toni decisamente sessisti e volgari: regalare alle clienti una maglietta con le indicazioni di una precisa posizione sessuale. “Yes” si legge vicino a una posa, “No” sull’altra: ed ecco come mettersi a ‘quattro zampe’ nel modo giusto.

“Istruzioni per il vero Doggy style, fate contente i vostri uomini. La Doggy style T-shirt in omaggio per voi in tutti gli store dalle 18 in poi. Omaggio solo per donne”, si leggeva sulla pagina Facebook di Burgez  ma il post è stato rimosso dopo qualche ora per la valanga di critiche che ne sono derivate.

Un’iniziativa di cattivo gusto e lanciata proprio in occasione dell’8 marzo, un tempismo perfetto. Burgez è la stessa catena che, circa un anno fa, aveva fatto scalpore per un annuncio di lavoro singolare: “Italiane, svegliatevi! Il lavoro c’è, siete voi che non ci siete”, si leggeva nell’annuncio per un posto di lavoro nella sede di via Savona a Milano. “Se ci chiedete perché la maggior parte delle cassiere sono ragazze filippine vi rispondiamo perché le italiane il sabato hanno il moroso, il mercoledì hanno la palestra, la domenica la stanchezza, ecc”.

Leggi anche: Il corteo di “Non una di meno” per l’8 Marzo: una marea umana per i diritti delle donne

Leggi anche: “Il papà lavora, la mamma cucina”: polemiche per il libro sessista alle elementari

Leggi ancheIl volantino della Lega sull’8 marzo: “No all’autodeterminazione della donna”. Bufera social

Leggi anche: Salvini interviene sul volantino sessista della Lega che stamattina ha indignato il web

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.